Ozieri, la provocazione di un giovane sardo a Salvini | Notizie.it
Ozieri, la provocazione di un giovane sardo a Salvini
Politica

Ozieri, la provocazione di un giovane sardo a Salvini

salvini ozieri

Un giovane sardo ha lanciato una provocazione a Salvini: "Più accoglienza e più 49 milioni?". Il video ha fatto il giro del web.

Matteo Salvini si trova in Sardegna in vista delle elezioni regionali del 24 febbraio. Il vicepremier sta girando tutta l’isola, ma su internet sta spopolando il video di un ragazzino che chiede al ministro in modo provocatorio: “Più accoglienza e più 49 milioni?“. In sottofondo si sente una voce gridare “Bravo”, ma non è chiaro se sia una risposta ironica di Salvini, oppure l’urlo di un passante. Oltre a Ozieri, il vicepremier è atteso a La Maddalena, Castelsardo, Alghero e Sassari.

La provocazione a Salvini

Durante la tappa a Ozieri, Matteo Salvini ha incontrato un giovane sardo, che si è avvicinato al vicepremier per proporgli una provocazione. Il giovane chiede di poter fare un video, e Salvini accetta con piacere. Il ragazzo a quel punto chiede “Più accoglienza e più 49 milioni?” in maniera chiaramente
ironica. A quel punto l’immagine è confusa, e non è chiara la reazione del premier. Il video dura solo una manciata di secondi, e Salvini non da una risposta al ragazzo.

Ciò che è chiaro è il riferimento ai fondi della Lega svaniti nel nulla.

I fondi della Lega

Il 26 novembre 2018 la Corte d’appello di Genova ha condannato Umberto Bossi e Francesco Belsito per truffa ai danni dello Stato da 49 milioni di euro nel processo sui fondi della Lega. Le condanne sono state rispettivamente di 1 anno e 10 mesi per l’ex segretario e 3 anni e 9 mesi per l’allora tesoriere del partito. Confermata anche la confisca dei milioni che il partito avrebbe trattenuto in maniera irregolare. Il processo aveva riguardato i rimborsi elettorali ricevuti dalla Lega tra il 2008 e il 2010. Secondo gli inquirenti, i fondi sono stati usati illecitamente da Bossi, Belsito e tre dipendenti del partito per spese personali.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche