Elezioni Sardegna, l'audio di Casalino dopo lo spoglio | Notizie.it
Elezioni Sardegna, vocale di Casalino: “Nostro candidato inesistente”
Politica

Elezioni Sardegna, vocale di Casalino: “Nostro candidato inesistente”

Sfogo di Casalino post elezioni sarde che, come riportato da TPI, in una chat interna avrebbe definito il candidato del M5S "inesistente".

Come riporta TPI durante le concitate ore che hanno accompagnato, nella serata di ieri, l’esito del voto delle elezioni regionali sarde, Rocco Casalino e alcuni colleghi della comunicazione si trovavano in un ristorante giapponese del quartiere Prati di Roma. Quando sono arrivati i risultati delle elezioni sarde, Casalino & friends stavano addentando gustosi gunkan e, probabilmente, il boccone gli è andato di traverso pensando a come mascherare l’ennesima batosta elettorale in poche settimane, dopo quella ricevuta in Abruzzo, sempre dal Centrodestra. Se le previsioni dei sondaggi erano già nefaste in partenza, i risultati non sono andati lontano dai pronostici che, alla fine, si sono rivelati quasi generosi con il partito fondato da Beppe Grillo.

Quel vocale inviato da Casalino

“Per essere la prima volta che ci presentavamo alle regionali è andata più che bene, non c’è stato nessun crollo perché il risultato delle politiche non è paragonabile. Poi il candidato era inesistente, ma questo non possiamo dirlo”:questo il messaggio vocale inviato verosimilmente alla chat interna del Movimento, come racconta The Post Internazionale.

La versione ufficiale

Poi, l’ex gieffino si è preoccupato di inviare ai giornalisti la versione ufficiale dei fatti: “Il vero tracollo è quello del vecchio Nazareno, perché Forza Italia e Partito democratico perdono rispettivamente il 10 per cento e il 6 per cento.

Se i dati verranno confermati, al contrario, il Movimento 5 Stelle risulterà primo partito passando da 0 a 18 per cento”. Insomma, la cronaca di una vittoria quella di Rocco Casalino che, evidentemente, voleva vedere il bicchiere mezzo pieno (forse qualcosa in più di mezzo pieno). Alla fine, il Movimento 5 Stelle si fermerà sotto il 10% quando, il 4 marzo scorso, seppure in elezioni radicalmente diverse, le politiche, toccò il 42%.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Marco Lomonaco
Marco Lomonaco 286 Articoli
Classe 1995, nato a Milano, rhodense d'adozione. Scrive per Notizie.it e collabora con Il Giornale e ilgiornaleOFF.it. Grande appassionato di radio, per sei mesi ha servito "il paese reale" a Radio24 nei ranghi de La Zanzara di Giuseppe Cruciani e David Parenzo.