Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Tria insiste sul Tav, Toninelli: “Si attenga al contratto di governo”
Politica

Tria insiste sul Tav, Toninelli: “Si attenga al contratto di governo”

Tav

Il ministro dell'Economia non ci sta a vedere il governo che cambia leggi e contratti retroattivamente. Secca la replica del 5 Stelle Toninelli.

Il patto tra Lega e M5S riguardo la realizzazione o meno del Tav Torino-Lione si basa sull’analisi costi-benefici dell’opera. Il Carroccio vorrebbero portare a termine l’infrastruttura mentre i pentastellati chiedono di bloccare definitivamente i lavori. Sulla questione interviene il ministro dell’Economia Giovanni Tria che avverte: “Qui il problema è che nessuno verrà mai a investire in Italia se un governo cambia i contratti, anche retroattivamente”. Danilo Toninelli gli lancia però un monito.

Tria incalza sul Tav

Botta e risposta tra Giovanni Tria e Danilo Toninelli sul Tav. “Non mi interessa l’analisi costi-benefici. Il problema non è la Tav, il problema è che nessuno verrà mai a investire in Italia se il Paese mostra che un governo che cambia non sta ai patti, cambia i contratti, cambia le leggi e le fa retroattive. Questo è il problema, non la Tav” dichiara il ministro dell’Economia intervenendo alla trasmissione Quarta Repubblica. Per Tria il nodo infatti è “portare avanti l’economia italiana”.

Dichiarazioni che non sono passate inosservate tra i 5 Stelle.

La risposta è arrivata direttamente dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti. Ai microfoni di Radio1, infatti, Danilo Toninelli ammonisce il collega di governo: “Tria ha dimenticato che c’è un contratto di governo, lui dovrebbe ricordarlo, – assicurando – si atterrà a quello che c’è scritto“.

“Italia tra stagnazione e recessione”

Quando gli si chiede se l’esecutivo sarà costretto a varare una manovra correttiva, il ministro dell’Economia chiarisce invece: “Questa storia è quasi una fissazione, non la capisco”. E spiega senza troppi giri di parole: “Noi siamo tra la stagnazione e la recessione, cosa si intende per manovra correttiva? Più tasse e meno spesa. Mi chiedo, in una situazione come quella dell’Italia e dell’Europea è utile? – aggiunge – Non bisogna essere keynesiani per capire che non è il momento”.

Giovanni Tria puntualizza però che il nostro Paese manterrà “il deficit sotto controllo”. Nonostante questo “non ci sarà alcun aumento dell’IVA”. “Sono tutte follie – assicura – non solo perché non ne parliamo, ma perché sarebbe sbagliato fare questo dal punto di vista della politica economica.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche