×

Le Pen e Orban, i grandi assenti al vertice sovranista di Salvini

Nessuna rottura, assicurano fonti della Lega: "La partecipazione di Le Pen e Orban all'iniziativa di Milano non era prevista".

Salvini Le Pen Orban
Salvini Le Pen Orban

Sfuma l’ipotesi di una grande convention dei sovranisti di tutta Europa. Matteo Salvini ha convocato un vertice dei partiti sovranisti previsto per lunedì 8 aprile a Milano, ma al suo invito non hanno risposto due dei protagonisti del nazionalismo europeo: Marine Le Pen e Viktor Orban.

Secondo quanto si apprende dall’Ansa, entrambi i leader hanno motivato la propria assenza. La Le Pen “è impegnata nella campagna elettorale”, ha spiegato Alain Vizier, portavoce del Front National. “Questo fine settimana sarà in Bretagna, mentre la settimana prossima ha in agenda altri appuntamenti in Francia”. La diserzione di Orban si inserisce invece nel contesto della sua recente sospensione dal Ppe: il premier ungherese ha preferito dunque evitare l’incontro con la Lega e tentare di ricucire i rapporti con la destra europea.

La convention di Milano

Due assenze che, però, sembrano non preoccupare Salvini e gli altri sovranisti. “La partecipazione di Le Pen e Orban all’iniziativa di lunedì a Milano non era prevista“, hanno sottolineato fonti della Lega. “I nostri alleati storici sono informati di tutte le iniziative e condividono i nostri obiettivi. Noi vogliamo un’Europa completamente diversa rispetto a quella governata dal Ppe e dal Pse”. Obiettivi che saranno presentati e ribaditi proprio alla convention che aprirà la campagna elettorale in vista di maggio.

Resta ancora ignota la lista dei partecipanti all’incontro all’Hotel Gallia. Al momento, appare certa solo la presenza dell’eurodeputato Joerg Meuthen, portavoce federale del partito di destra radicale della Germania, Alternative fur Deutshland.

Per celebrare la chiusura della campagna elettorale, il leader del Carroccio ha annunciato una grande manifestazione unitaria prevista per il 18 maggio in Piazza Duomo.

Contents.media
Ultima ora