Scontro sulla flat tax, rischio sanzioni europee: Conte e Tria frenano
Politica

Scontro sulla flat tax, rischio sanzioni europee: Conte e Tria frenano

Flat tax, frenano Conte e Tria
Flat tax, frenano Conte e Tria

I 12 miliardi necessari per la flat tax rischiano di far saltare l'accordo con Bruxelles e di portare alla procedura di infrazione.

Continua il braccio di ferro tra Lega, M5S e Giovanni Tria, in vista di un possibile, secondo il Messaggero, ulteriore rinvio della discussione sul Def, che slitterebbe di una settimana, dopo il ritorno del ministro dell’Economia da Washington. Prosegue anche il tentativo del premier Giuseppe Conte di trovare un’intesa tra le parti, prima dell’inizio del Cdm, previsto per le 16.30, al cui tavolo saranno seduti anche i vicepremier Salvini e Di Maio.

Tra i nodi da sciogliere in ambito economico figura quello del deficit, che Bruxelles ha stimato allo 0,2%, in diminuzione. Una stima alla quale desidera rimanere fedele anche il ministro Tria, come confermato dall’incontro a Bucarest con Valdis Dombrovskis. I tecnici del Mef intendono rispettare le norme internazionali ed evitare una procedura di infrazione sul debito, che potrebbe arrivare a inizio giugno. Ma diversa è l’opinione di Lega e M5S.

Scontro sulla flat tax

Terreno dello scontro è la flat tax.

Alla tassa piatta fortemente voluta dal Carroccio potrà essere riservato uno spazio assai ridotto nell’ottica di un contenimento delle spese come quello previsto da Tria. Il ministro dell’Economia vorrebbe rimandare la questione a settembre-ottobre, per non far saltare l’accordo con la Commissione, mentre Salvini e i suoi compagni di partito chiedono che nel Def venga inserita una normativa dettagliata. L’ottica resta quella delle elezioni europee di maggio, alle quali la Lega vuole arrivare presentando agli elettori il mantenimento delle promesse elettorali. Il provvedimento costerebbe alle casse dello stato 12 miliardi: una cifra che pesa non poco sui conti pubblici, già gravati dai 23 miliardi derivanti dal mancato aumento dell’Iva.

È possibile che la disputa, riferisce il Messaggero, si concluda con l’inserimento nel Def un accenno alla flat tax, una formula “soft” che indica la tassa come un obiettivo non immediato, ma previsto per i prossimi anni.

Il tutto mantenendo fede al concetto di progressività chiesto da M5S e al sistema di detrazioni e deduzioni legato a una più generale revisione fiscale.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Classe 1994, nata e cresciuta in provincia di Monza e Brianza. Dopo il diploma di liceo classico mi sono laureata a pieni voti in "Lettere moderne" presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ho conseguito la laurea magistrale in "Lettere moderne", con 110 e lode, presso l’Università degli Studi di Milano. Durante il mio percorso accademico, mi sono avvicinata al mondo del giornalismo attraverso il team di Notizie.it, passando da un iniziale stage curriculare a una collaborazione, fino a entrare a far parte della redazione. Ho collaborato con la rivista cartacea Viaggiare con gusto per la pubblicazione dell’articolo Viaggio in Puglia, nell’aprile 2019.