Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Como, Cavargna è il paese più leghista d’Italia
Politica

Como, Cavargna è il paese più leghista d’Italia

Como, Cavargna è il paese più leghista d'Italia

Cavargna è il paese dove la Lega ha ottenuto il maggiore consenso alle votazioni europee 2019. Qui, secondo i dati, il Pd ha ricevuto un solo voto.

Cavargna è il paese più leghista d’Italia. Secondo quanto riferisce Fanpage la quasi totalità dei cittadini hanno votato in favore del partito di Matteo Salvini, concedendo qualche preferenza alle altre fazioni del Centrodestra e un solo voto al Partito Democratico e al Partito Comunista. A guardar bene, però, Cavargna è un paesino abbastanza anomalo, in quanto abitato per lo più da cittadini emigranti, che lavorano e pagano le tasse in Svizzera. Per questo, alcuni di loro non si sono nemmeno presentati a votare e sono rimasti al di là del confine.

Il paese più leghista in Italia

Nel comasco si trova Cavargna, il paese più leghista d’Italia. I risultati delle passate elezioni europee hanno dato un messaggio forte e chiaro su quale sia l’orientamento politico del piccolo borgo. Infatti, dei 122 elettori che si sono presentati al seggio, l’86,79% ha scelto di sostenere il Carroccio, mentre le minoranze hanno dato la propria preferenza ai restanti partiti del Centrodestra.

Il peggiore dato proviene invece dall’opposizione. Infatti, secondo quanto rilevato dalle votazioni il Pd e il Partito Comunista hanno ricevuto rispettivamente un voto soltanto.

Un esito davvero particolare, soprattutto se si guarda al contesto della città di Cavargna. Infatti, il paese è abitato fondamentalmente da emigranti, che vanno a lavorare in Svizzera, pagando direttamente le tasse al di là del confine.

Il borgo più “povero” della penisola

Alla luce di quanto appena affermato, ecco che ci si trova di fronte a un grosso paradosso. Proprio quei cittadini che vogliono la chiusura dei porti sono gli stessi che lasciano l’Italia per lavorare in Svizzera. Alcuni di loro non sono nemmeno andati a votare, non rientrando in italia. Un dato che è stato confermato dall’Istat già nel 2018. Infatti, secondo i rilevamenti degli esperti, i cittadini residenti a Cavargna sono 212, ma gli aventi diritto al voto sarebbero circa 304.

Sempre in ragione del lavoro in Svizzera, la città di Cavargna è finita sotto i riflettori dei media nazionali in qualità di paese più “povero” della penisola.

Infatti, dal momento che i cittadini lavorano e pagano le tasse in Svizzera, ecco che nella dichiarazione dei redditi il valore riportato è nettamente inferiore a tutti glia altri paesi italiani. Nel 2014, il reddito annuo registrato era di circa 6.359 euro, vale a dire 17 euro al giorno per tutti i contribuenti della cittadina.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Andrea Danneo
Andrea Danneo 628 Articoli
Palermitano di nascita, milanese acquisito, ho iniziato a scrivere di Rugby e di Basket sul web. Dopo una bella esperienza in un sito di informazione locale, mi sono laureato in Lettere moderne a Milano e ho concluso la mia formazione alla scuola di Giornalismo dell'Università Cattolica. Lettore di libri incallito, inseguo il sogno di raccontare le piccole e grandi storie, sia in forma scritta, sia in video.