×

Elezioni: per Cuperlo la Lega vince dov’è alto l’abbandono scolastico

Condividi su Facebook

Cuperlo aveva criticato lo stesso Partito Democratico per non essere riuscito ad intercettare proprio il voto delle classi sociali più disagiate.

gianni-cuperlo
gianni-cuperlo

È polemica sulle parole utilizzate da Gianni Cuperlo per descrivere la vittoria della Lega di Matteo Salvini alle ultime elezioni europee. Ospite nel programma di La7 L’aria che tira, condotto da Myrta Merlino, l’ex Presidente del Partito Democratico ha infatti espresso il suo parere sul perché secondo lui la Lega avrebbe vinto in alcune regioni italiane, citando in particolare la situazione della Sardegna.

L’opinione sulla vittoria leghista

Nel discorso Cuperlo parla di come la Lega vinca nei luoghi in Italia dov’è più forte il fenomeno dell’abbandono scolastico: “Ci sono due Regioni, anzi una. Sì, mi colpisce l’Emilia, certo. Ma a me colpisce che oggi la Lega sia il primo partito in Sardegna dove il 33% dei ragazzi tra i 14 ed i 18 anni che frequentano la secondaria non finirà gli studi.

E la Lega, azionista di riferimento di questa maggioranza, non ha fatto niente per loro, non ha fatto alcunché per le politiche sul diritto allo studio”.

In precedenza, sempre Cuperlo aveva criticato il suo stesso partito per come non sia riuscito ad intercettare proprio il voto delle classi sociali più disagiate. Classi che sono state invece conquistate dalla Lega: “O riusciamo a collegare la nostra offerta politica alle condizioni materiali e di vita di quelle persone o faremo solo ragionamenti molto vaghi”.

Le critiche alle dichiarazioni

Inondato da decine di commenti indignati sul suo profilo Facebook, Cuperlo ha in seguito cercato di chiarire l’equivoco: “Io non associavo affatto il voto alla Lega col titolo di studio di chi la vota. Ho conosciuto operai con la quinta elementare e tanta cultura e saggezza da impartire lezioni a fior di intellettuali con titoli ed esami. Io intendevo dire una cosa molto diversa. Che ci sono regioni dove la dispersione scolastica (per motivi di censo) è altissima e quella dovrebbe essere la priorità assoluta sulla quale intervenire.

Mentre questo governo di cui la Lega è azionista ha tagliato i fondi per il diritto allo studio. Nonostante ciò raccoglie una messe di voti anche lì dove le sue mancanze come forza di governo dovrebbero portare a un giudizio severo”.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.