Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Lincoln Memorial, clamorosa gaffe di Salvini
Politica

Lincoln Memorial, clamorosa gaffe di Salvini

Il ministro degli Interni si rende protagonista di uno scivolone in occasione della sua visita negli Stati Uniti.

E’ una visita lampo quella del Ministro degli Interni Matteo Salvini negli Usa, a Washington, dove ha incontrato il segretario di Stato Mike Pompeo e il vicepresidente (omonimo) Mike Pence. E’ stato lampo anche il salvataggio in corner messo prontamente in atto dall’ambasciatore italiano degli Stati Uniti, Armando Varricchio, che con nonchalance ha corretto il leader del Carroccio tanto per non far sfigurare l’Italia e i suoi connazionali. Il video con la gaffe (filmata per sempre) di Matteo Salvini ha fatto il giro del mondo web tra lo sconcerto di tanti e la rassegnazione di altri.

La gaffe

“Una volta a Washington andammo alla scalinata di Rocky” dice Matteo Salvini qualche istante dopo la toccata e fuga al Lincoln Memorial, il monumento che è stato costruito per rendere omaggio a quello che fu il grande Abraham Lincoln. “Si si, certo, a Philadelphia” controbatte visibilmente imbarazzato l’ambasciatore Varricchio. Colpo basso per il Ministro degli Interni la cui gaffe lo ha portato a scambiare Washington per Philadelphia.

Ma in America splende il sole -che il caldo gli abbia dato alla testa?

Il video che è andato in diretta su Facebook è un susseguirsi di panoramiche, inquadrature dal basso e frontali sui bellissimi dettagli del Lincoln Memorial e su un Matteo Salvini che veste quasi i panni del turista affascinato davanti a tanta bellezza. Il momento clou del filmato -a partire dal minuto 1:50 vede prima il Ministro Degli Interni fare uno sforzo per ricordare la celebre scalinata di Rocky, poi citarla soddisfatto e poi ancora chiedere scusa: l’ambasciatore americano, imbarazzato, lo corregge “a capofitto”, e la conversazione prosegue questa volta con un Salvini un po’ più all’erta.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche