Dl Crescita, Camera vota la fiducia: 288 sì e 181 no
Politica

Dl Crescita, Camera vota la fiducia: 288 sì e 181 no

dl crescita

La Camera ha approvato la fiducia con 288 sì e il testo passa ora all'esame del Senato. Tante le novità.

La Camera ha approvato la fiducia sul decreto legge crescita. In 288 si sarebbero espressi a favore, contro i 181 che invece hanno detto no e i 3 astenuti. Il testo è tornato all’esame dopo l’approvazione di alcune di modifiche in commissione e dovrà ora passare al Senato per poi essere convertito in legge entro il 29 giugno. Oltre quella data andrà in decadenza. Il decreto è uscito dall’esame sostanzialmente quasi raddoppiato, con l’aggiunta di oltre 60 articoli. Le novità principali sono relative al travaso della proposta di legge parlamentare sul fisco, ma si parla anche del salvataggio di Radio Radicale e della manutenzione delle casette dei terremotati. Presente anche l’estensione agli sportivi professionisti dello sconto per i “cervelli in fuga”, l’estensione del bonus per l’acquisto di veicoli elettrici anche alle minicar e la stretta sugli affitti abusivi delle case vacanza. Introdotta inoltre la possibilità per le imprese di dare uno “scivolo” ai lavoratori a cui mancano fino a 5 anni alla pensione.

Titolarità dei fondi

Tra le modifiche apportate, figura anche lo stralcio della norma che trasferiva alle Regioni la titolarità dei Fondi sviluppo e coesione.

La Ragioneria aveva infatti imposto uno stop alla riformulazione dell’emendamento, facendo notare che il ciclo di programmazione 2021-27 non è “né avviato, né tanto meno finanziato con risorse statali” e quindi anche le modalità della sua gestione potevano essere “più utilmente e organicamente definite” in avvio della nuova programmazione.

Pacchetto bancario

All’interno del pacchetto relativo alle banche, figurano novità per i risparmiatori in attesa di rimborsi, i quali saranno celeri e con corsia preferenziale se si tratta di assegni sotto i 50 mila euro. Verrà inoltre ampliata la platea di coloro che potranno accedere al Fir, mentre è stata annunciata la proroga per la garanzia dei bond emessi da Banca Carige, valida fino a fine anno, in attesa che si trovi un acquirente. Previsto poi uno sconto fiscale per chi investe in Eltif, i nuovi fondi di investimento europei a lungo termine.

Pacchetto imprese

Per ciò che riguarda le imprese, l’Imu sui capannoni diventerà deducibile per intero dal 2023 e l’Ires sarà ridotta al 20% sempre a partire dallo stesso anno.

Per quanto riguarda invece il taglio dell’Inail c’è ancora un pò di confusione. La Lega vorrebbe infatti trasformarlo in strutturale, pescando però dal fondo per il reddito di cittadinanza. Va da sè che l’idea non piace ai 5 stelle motivo per il quale si è optato per un cambio di copertura e la misura che sì diventerà strutturale, ma con un “buco” in cui le tariffe non saranno più a sconto di 600 milioni.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Antonella Ferrari
Classe 1995, lodigiana di nascita, grande appassionata di danza, sport e viaggi. Laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano, coltiva da sempre l’interesse per il giornalismo. Dopo aver svolto uno stage nella redazione di un quotidiano locale, da ottobre 2018 collabora con Entire Digital Publishing in qualità di redattrice per Notizie.it.