×

Caso Sea Watch: smascherata la bufala sul padre di Carola Rackete

L'uomo lavora presso un'azienda che si occupa di difesa militare, ma sono in molti ad aver creduto ad un collegamento con le attività della figlia.

carola-rackete

Con l’esplosione della vicenda Sea Watch non potevano mancare le bufale riguardanti la capitana Carola Rackete e i suoi familiari. A questo giro è stato proprio Ekkehart Rackete, il padre della 31enne tedesca, a cadere nella trappola della disinformazione. L’uomo è stato infatti reso involontario protagonista di una fake news che lo vede nientemeno che trafficante d’armi con i paesi africani. Un maldestro tentativo di collegarlo alle attività di salvataggio in mare condotte dalla figlia.

Il vero lavoro dell’uomo

Stando alle verifiche effettuale dal portale di Fact-checking Bufale.net, la storia del trafficante d’armi sarebbe solo una grossa esagerazione della reale attività svolta dal padre di Carola Rackete, bufala peraltro condivisa anche nomi noti come il filosofi Diego Fusaro. Il signor Rackete infatti, dopo una lunga carriera in ambito militare, è attualmente un consulente della Mehler Engineered Defence GmbH, azienda tedesca che si occupa di sistemi difensivi di tipo militare e civile.

L’errore commesso da coloro che hanno condiviso la bufala del trafficante d’armi sarebbe stato quindi quello di tracciare un ipotetico filo conduttore tra i due Rackete.

Con il padre che, coinvolto nei conflitti armati del continente africano, causerebbe le fughe di migranti soccorsi successivamente dalla figlia nel mar Mediterraneo.

Di cosa di occupa l’azienda?

Le attività svolte dalla Mehler Engineered Defence non possono però essere semplicisticamente inquadrate nel settore armi. Il vero business dell’azienda – per la quale il signor Rackete lavora da sette anni – è infatti legato soltanto alla sicurezza militare e civile, peraltro adoperando standard tecnologici distanti anni luce da quelli oggi utilizzati dalle nazioni africane.

Insomma ancora una volta il desiderio di voler vedere trionfare la propria verità a portato ad una profonda distorsione della realtà dei fatti.


Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Caricamento...

Leggi anche