Universiadi, Sergio Mattarella saluta e abbraccia la piccola Noemi
Politica

Universiadi, Sergio Mattarella saluta e abbraccia la piccola Noemi

sergio mattarella universiadi
sergio mattarella universiadi

Il presidente della Repubblica approfitta dei momenti precedenti la cerimonia di apertura per salutare e abbracciare la piccola Noemi.

Prima dell’inizio della cerimonia di apertura delle Universiadi di Napoli, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha salutato e abbracciato Noemi. La piccola, infatti, era rimasta vittima dell’agguato avvenuto nel capoluogo campano lo scorso maggio. Il capo di Stato italiano le ha chiesto: “Come va?”. Tutti i presenti hanno risposto che il suo decorso procede bene.

Universiadi di Napoli

Nella serata di mercoledì 3 luglio si è svolta la cerimonia di apertura delle Universiadi di Napoli. Lo stadio San Paolo era gremito di persone provenienti dall’Italia e dal mondo: oltre 30 mila gli spettatori in tribuna. ma in questa giornata si ricordano anche i due mesi dall’agguato avvenuto in primavera nel capoluogo campano. Sergio Mattarella, presente alla cerimonia, approfitta dell’evento per salutare e abbracciare la piccola Noemi. Infatti, a pochi minuti dall’inizio dell’evento, il capo di Stato si è avvicinato alla bambina e ha chiesto: “Come va?”. “Meglio, fortunatamente” hanno risposto i presenti.

Noemi stava per morire dopo essere stata coinvolta nella sparatoria del 3 maggio scorso. I medici dell’ospedale Santobono di Napoli, però, l’hanno salvata.

Le precedenti visite

Intorno alla piccola Noemi si sono strette le istituzioni oltre che l’Italia intera, nella sua lotta per la vita. In precedenza, infatti, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella si era recato in visita a Noemi quando si trovava ancora in coma. Durante l’incontro nella serata di apertura della 30esima edizione delle Universiadi, invece, erano presenti anche Roberto Fico, il presidente della Camera dei Deputati, il presidente della Campania, Vincenzo De Luca, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, il presidente del Coni, Giovanni Malagò, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, e il presidente della Federazione sport universitari, Oleg Matytsin.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Laura Pellegrini
Classe 1998, cresciuta condividendo il sogno del padre. Veronese di origini, ma milanese acquisita. Studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società" con un grande sogno nel cassetto: costruire una carriera internazionale e un nome nel giornalismo politico. Amante dei viaggi e curiosa rispetto ai fatti di attualità, insegue con determinazione il suo obbiettivo.