×

Scontro sui migranti, continua il botta e risposta al Governo

Condividi su Facebook

"Si sente Maradona ma gioca come Higuain fuori forma" ha detto il pentastellato. Trenta: "Avevo avvisato Salvini ma non mi ha ascoltata".

di stefano

Continua il botta e risposta al Governo sul tema migranti. Tutto era iniziato con lo scontro tra il ministro Salvini e la Difesa, ma ora a suon di dichiarazioni e post su Facebook lo scontro sta continuando. L’ultimo atto è l’attacco sferrato su Facebook dal pentastellato Manlio Di Stefano, viceministro degli Esteri. “Il problema è sempre lo stesso – ha esordito -. Se vuoi fare tutto da solo e non passi mai la palla, se tieni lo sguardo fisso a terra senza accorgerti mai dei tuoi compagni, in porta non ci arrivi mai. Se ti senti Maradona e poi giochi come Higuain fuori forma, è un serio problema, perché di mezzo c’è il Paese. Non si può dire che è sempre colpa degli altri”. Rapida la replica dei leghisti: “Ignorante, vada in Venezuela”.

“Gaffe e offese ai colleghi”

L’attacco di Di Stefano è poi proseguito entrando nel merito della questione Salvini-Trenta: “Si è chiesto l’intervento della Marina in acque italiane, ma è la Guardia di Finanza a svolgere le funzioni di polizia in mare.

Dunque, il ministero dell’Economia, non la Difesa. Ci si è lamentati di non aver ricevuto alcun sostegno, ma è stato il Viminale a rifiutare la proposta della Difesa di trasbordare i migranti a Malta e su questo ci aspettiamo delle spiegazioni”.

Le accuse dei 5 stelle

Sul blog delle Stelle è intanto stato pubblicato un articolo che accusa i media di accendere i riflettori sulle ong e sui migranti, senza però dimenticare una stoccata nei confronti del ministro dell’Interno: “Nell’ultimo mese sono arrivati in Italia più di 300 irregolari e nessuno ne parla. Questo è un gioco al massacro molto pericoloso. Anche ieri, mentre tutti discutevano di 54 migranti sulla Mediterranea, poco prima, nella notte, a Lampedusa, ne erano sbarcati 70. Nessuno se ne accorge però, la fiction è più forte della realtà“.

“Salvini non mi ha ascoltata”

Dopo svariati botta e risposta torna a parlare anche la ministra Trenta, accusata da Salvini di averlo lasciato “solo” a risolvere la questione migranti.

Interpellata dal Corriere della Sera, la titolare della Difesa avrebbe detto: “Quanto sta accadendo in questi giorni si sarebbe potuto evitare. Lo avevo detto a Matteo Salvini: senza la missione Sophia torneranno le ong. Non ha voluto ascoltare e si lamenta. E’ sorprendente che attacchi i militari dopo che siamo stati noi a chiedere al Viminale se volevano supporto per il trasbordo dei migranti a Malta, visto che nessuno veniva a prenderseli”. Poi una parola sul futuro: “Indipendentemente dal caso migranti e dalle ong, l’emergenza da affrontare è quanto sta accadendo in Libia perché la situazione è peggiorata sensibilmente e ho dato mandato allo Stato maggiore di pianificare vari scenari”.


Nata in provincia di Lodi, classe 1995, è laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Antonella Ferrari

Nata in provincia di Lodi, classe 1995, è laureata in "Scienze Umanistiche per la Comunicazione" all’Università Statale di Milano. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche