Ex Ilva, ArcelorMittal contro il governo. Di Maio: “Nessuno vuole chiudere”
Politica

Ex Ilva, ArcelorMittal contro il governo. Di Maio: “Nessuno vuole chiudere”

Ex Ilva tensione ArcelorMittal governo
Ex Ilva tensione ArcelorMittal governo

L'ad di ArcelorMittal ha accusato Luigi Di Maio e il governo di "lavorare contro l'interesse dell'azienda".

“Si ha l’impressione che si stia lavorando contro la nostra azienda“. Con queste parole Matthieu Jehl, amministratore delegato della ArcelorMittal, la società che gestisce l’ex Ilva di Taranto, ha duramente attaccato il governo. Al Mise si è svolto l’incontro tra i rappresentanti della società e il vicepremier Luigi Di Maio. Il ministro dello Sviluppo economico ha assicurato che “nessuno a questo tavolo vuole chiudere lo stabilimento di Taranto. Massima priorità al lavoro e alla sicurezza sul lavoro. C’è un morto e un sequestro della magistratura, non si possono accusare governo e sindacati per questo”.

Ex Ilva, ArcelorMittal contro il governo

Mentre cresce la tensione tra ArcelorMittal e il governo, la magistratura prosegue le indagini sull’incidente avvenuto all’ex Ilva. La Procura di Taranto ha iscritto nel registro degli indagati otto persone, che dovranno rispondere della morte di Cosimo Massaro. Il 10 luglio l’operaio ha perso la vita sul posto di lavoro, mentre si trovava su una gru dell’acciaieria che si è spezzata durante una tempesta.

I sommozzatori hanno recuperato il suo corpo senza vita a sei metri di profondità, solo dopo tre giorni di ricerche ininterrotte. In attesa del risultato dell’autopsia, le ipotesi di reato sono concorso in omicidio colposo e omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro. Tra gli indagati compare anche Stefan Mechel Van Campe, gestore del siderurgico e datore di lavoro di Taranto per la ArcelorMittal. Insieme a lui, gli inquirenti indagano su altri responsabili e dirigenti dell’acciaieria.

A pochi giorni dal decesso di Massaro, si è verificato un secondo incidente sui cui la Procura potrebbe aprire un’indagine. Il sindacato Usb ha denunciato che una pinza e un bozzello sono caduti al suolo, fortunatamente senza provocare feriti, all’interno del reparto Laf dell’ex Ilva.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Classe 1994, nata e cresciuta in provincia di Monza e Brianza. Dopo il diploma di liceo classico mi sono laureata a pieni voti in "Lettere moderne" presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ho conseguito la laurea magistrale in "Lettere moderne", con 110 e lode, presso l’Università degli Studi di Milano. Durante il mio percorso accademico, mi sono avvicinata al mondo del giornalismo attraverso il team di Notizie.it, passando da un iniziale stage curriculare a una collaborazione, fino a entrare a far parte della redazione. Ho collaborato con la rivista cartacea Viaggiare con gusto per la pubblicazione dell’articolo Viaggio in Puglia, nell’aprile 2019.