Fondi russi alla Lega, parla Enrico Letta: “Salvini si dimetta”
Politica

Fondi russi alla Lega, parla Enrico Letta: “Salvini si dimetta”

" Di fronte ad una cosa del genere un paese democratico non ha altra strada che le dimissioni del ministro"

Sulla questione dei finanziamenti russi alla Lega, si esprime anche Enrico Letta, l’ex presidente del Consiglio dei ministri. Letta ha una visione chiara sull’accaduto e consiglia una soluzione al vicepremier Matteo Salvini.

Le parole di Enrico Letta

Enrico Letta, ex presidente del Consiglio dei ministri, propone una soluzione a suo avviso democratica. O meglio quella che qualsiasi paese democratico dovrebbe adottare in situazioni come questa: “Su questa vicenda della Russia c’è solo una cosa che sappiamo e cioè che rispetto alle cose uscite un ministro degli ha Interni ha detto che quella persona non la conosceva. Cose smentite e quindi il ministro degli Interni ha detto una cosa falsa e quindi dovrebbe dimettersi”.

Letta prosegue l’intervista, aggiungendo: “Non è che la richiesta di dimissioni è per il pettegolezzo o l’anticipazione di una sentenza giudiziaria ma perché Salvini ha mentito. Di fronte ad una cosa del genere un paese democratico non ha altra strada che le dimissioni del ministro”.

Il tweet di Letta

A seguito delle sue parole riguardanti le dimissioni di Matteo Salvini, Enrico Letta tramite il suo account twitter, si è lasciato andare ad uno sfogo più che legittimo: “Minch..Mai ricevuti tanti #vaffa da account #anonimi.

Un delirio da quando ho detto, come tanti altri, che #MinistroInterni se mente platealmente su un suo collaboratore, si deve dimettere. Mi sa che stavolta si sente davvero puzza di bruciato. #Salvini #Savoini #Salvinimente“.
Enrico Letta, sempre contraddistinto da modi pacati e toni gentili, questa volta non è riuscito a far fronte a così tante provocazioni. L’ex presidente si è lasciato andare, ma anche gli hashtag recitano la sua verità.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Marco Bruto
Marco Bruto, nato a Milano l'11 novembre 1995, laureando in "Scienze Sociali per la globalizzazione". Ho effettuato un tirocinio presso TMS, gruppo specializzato nella gestione di testate giornalistiche. Completano il mio profilo una forte passione per il giornalismo, i viaggi, la cronaca e gli esteri.