Carola Rackete, Salvini: “Non vedo l’ora di espellerla”
Politica

Carola Rackete, Salvini: “Non vedo l’ora di espellerla”

Carola Rackete Salvini espulsione
Carola Rackete Salvini espulsione

Matteo Salvini torna ad attaccare Carola Rackete, definendola una "zecca tedesca" e chiedendone l'espulsione.

Carola Rackete è libera, ma Matteo Salvini non si rassegna e torna a sognare l’espulsione della capitana della Sea Watch. Il ministro dell’Interno, ospite alla festa della Lega a Barzago, in provincia di Lecco, dopo aver trascorso la giornata a Helsinki per il vertice con gli omologhi europei, si è scagliato duramente contro la comandante e non ha nascosto il desiderio di procedere all’allontanamento forzato, come già annunciato al momento dell’arresto.

Carola Rackete, Salvini vuole espellerla

“Pure Carola Rackete mi ha denunciato, fra le tante denunce [è arrivata, ndr] pure quella della zecca tedesca“, è il duro attacco di Matteo Salvini. “Uno basta che la guarda in faccia, proprio qua doveva arrivare”. Il ministro dell’Interno è poi passato a elencare i numeri degli sbarchi, che “dai 200 mila all’anno, a oggi siamo a quota tremila. Ma con il decreto sicurezza bis, anche se trovi un giudice che ti libera, intanto ti blocco la nave e ti chiedo un bel po’ di quattrini”.

Carola Rackete a processo, l’interrogatorio

Un “giudice che ti libera” Carola Rackete l’ha già trovato.

Dopo la scarcerazione da parte del gip Alessandra Vella, ha lasciato l’aula da donna libera anche al termine dell’interrogatorio al Tribunale di Agrigento davanti al procuratore aggiunto e ai sostituti. La capitana ha risposto delle accuse di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e disobbedienza a nave da guerra. Al termine dell’incontro, ha risposto ad alcune domande dei giornalisti presenti e si è detta felice di aver avuto la possibilità di raccontare la propria versione di quanto accaduto. La 31enne tedesca ha invitato l’Unione europea a farsi carico dei richiedenti asilo e dei profughi in fuga dall’Africa. Si è invece rifiutata di rispondere alle domande sul vicepremier Salvini.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lisa Pendezza
Classe 1994, nata e cresciuta in provincia di Monza e Brianza. Dopo il diploma di liceo classico mi sono laureata a pieni voti in "Lettere moderne" presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ho conseguito la laurea magistrale in "Lettere moderne", con 110 e lode, presso l’Università degli Studi di Milano. Durante il mio percorso accademico, mi sono avvicinata al mondo del giornalismo attraverso il team di Notizie.it, passando da un iniziale stage curriculare a una collaborazione, fino a entrare a far parte della redazione. Ho collaborato con la rivista cartacea Viaggiare con gusto per la pubblicazione dell’articolo Viaggio in Puglia, nell’aprile 2019.