Di Maio lancia il “mandato zero” per i consiglieri comunali
Politica

Di Maio lancia il “mandato zero” per i consiglieri comunali

di maio

Il leader del M5S Luigi Di Maio ha presentato il "mandato zero" per i consiglieri comunali in un video sulla sua pagina Facebook.

Il leader del M5S Luigi Di Maio ha deciso di ravvivare il Movimento dopo le tante sconfitte nelle elezioni amministrative degli ultimi mesi con una serie di nuove iniziative. I capisaldi della riorganizzazione, che sarà al voto degli iscritti, è l’introduzione del “mandato zero” per i Consiglieri comunali e alleanze con liste civiche sul territorio.

L’iniziativa del vicepremier

In un video-tutorial pubblicato sulla sua pagina Facebook, il vicepremier ha spiegato la decisione di introdurre il mandato zero, un mandato che non si conta per la regola dei due mandati, valido solo per i consiglieri comunali e municipali e non i sindaci: “A seguito di questa grande riorganizzazione potremmo dargli più supporto legale e di esperti ma ora mi interessa non disperdere l’esperienza che un consigliere matura e può portare in altri consessi: regione, parlamento, europarlamento”. Infine Di Maio ha toccato il tema delle liste civiche e delle possibili alleanze a livello locale: “Non mi sfugge che spesso siano serbatoi di voti che nascono due mesi prima del voto e poi scompaiono, ma se abbiamo lavorato fianco a fianco con un comitato, un movimento per anni ha senso poi candidarsi gli uni contro gli altri?”.

Il capo politico propone quindi di “avviare delle sperimentazioni con associazioni e movimenti che conosciamo da sempre, dove siamo pronti”. La proposta della nuova organizzazione sarà sottoposto al voto degli iscritti al Movimento 5 stelle sulla piattaforma Rousseau giovedì e venerdì prossimo. Sui social network sono già nati pareri contrastanti sull’iniziativa lanciata da Di Maio.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Francesca Sofia Cocco
Nata a Cagliari nel 2000, si è diplomata al liceo classico con 100 e lode e frequenta l'Università Bocconi di Milano. Nel 2015 ha iniziato a collaborare con l'Unione Sarda, per cui scrive articoli di cronaca, cultura, spettacolo e opinione. Ha partecipato come inviata in sala stampa per Radio Bocconi al Festival della canzone italiana di Sanremo 2019.