×

Marta Cartabia, chi è il possibile nuovo premier

Vicepresidente della Corte Costituzionale ed europeista convinta. Ecco chi è Marta Cartabia.

Dopo le dimissioni di Giuseppe Conte, hanno avuto inizio le consultazioni per la formazione di un nuovo governo. Nel caso di un eventuale accordo tra Pd e M5s, il Presidente Sergio Mattarella preme per la nomina come premier di Marta Cartabia.

Chi é Marta Cartabia

Marta Cartabia è nata a San Giorgio su Legnano, un comune della città metropolitana di Milano, il 14 maggio 1963. Nel 1987 si è laureata in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Milano. Muove i suoi primi passi nel mondo del lavoro con una carica decisamente importante, tra il 1993 e il 1995 infatti è assistente presso la Corte Costituzionale. Successivamente, ha svolto periodicamente attività di ricerca e insegnamento in Italia e all’estero, diventando professoressa di Diritto costituzionale all’Università degli Studi di Milano Bicocca. Marta Cartabia è inoltre, direttrice di numerose riviste, fondando anche la prima rivista giuridica italiana, in lingua inglese: “Italian Journal of Public Law”.

Nel 2011 è stata nominata giudice della Corte Costituzionale dal presidente della Repubblica allora in carica, Napolitano.

E’ stata la terza donna in assoluto ad essere nominata ed è tra i più giovani giudici mai nominati. Nel caso fosse designata al ruolo di presidente del Consiglio, sarebbe la prima donna nella storia italiana. Nel 2014 è diventata vicepresidente della Corte Costituzionale. Inoltre, è Cavaliere di gran croce dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana. Marta Cartabia, sarebbe profondamente apprezzata dal Partito Democratico per la sua illustre conoscenza dell’Unione europea, inoltre piacerebbe anche al M5s in merito alla sua figura di garanzia istituzionale.

Nato a Milano, classe 1995, è laureando in "Scienze Sociali per la globalizzazione". Oltre che con Notizie.it ha collaborato con TMS.


Contatti:

Contatti:
Marco Bruto

Nato a Milano, classe 1995, è laureando in "Scienze Sociali per la globalizzazione". Oltre che con Notizie.it ha collaborato con TMS.

Leggi anche