> > Sparatoria Trieste, Salvini: "Per gli assassini nessuna pietà"

Sparatoria Trieste, Salvini: "Per gli assassini nessuna pietà"

salvini

Matteo Salvini ha commentato la notizia della sparatoria dentro la Questura di Trieste.

Matteo Salvini ha detto la sua riguardo alla Sparatoria dentro la Questura di Trieste. Il pomeriggio del 4 ottobre due poliziotti sono rimasti uccisi a colpi di pistola da un rapinatore di origine domenicana. L’ex ministro degli Interni e leader della Lega ha espresso rabbia su Twitter e ha espresso conforto nei confronti delle famiglie delle vittime.

Il commento di Salvini

Il leader della Lega Matteo Salvini ha commentato la notizia della sparatoria dentro la Questura di Trieste in un tweet: “Sconcerto e dolore per quanto accaduto a Trieste. Da italiano, una preghiera per i due agenti uccisi e un abbraccio alle loro famiglie. Sempre e comunque dalla parte delle nostre Forze dell’Ordine”. L‘ex ministro dell’interno ha concluso con una frase carica di rabbia, che non è passata inosservata: “Per gli assassini, nessuna pietà”.

L’allarme del Sap

Il Sap, ovvero il sindacato della Polizia, ha lanciato un allarme. In una nota il segretario Stefano Paoloni ha fatto sapere il motivo: “Siamo continuamente vittime di balordi. Questa è l’ennesima aggressione che contiamo dal 1 giugno, ma con un tragico epilogo che ci lascia sgomenti. Abbiamo bisogno di maggiori tutele mentre siamo in strada a rendere il nostro servizio alla comunità e servono pene severe per chi attenta alla nostra vita”. Paoloni vorrebbe evitare che episodi simili a quello di Trieste possano verificarsi in futuro. Perciò il segretario ha aggiunto: “La consapevolezza di restare impuniti alimenta condotte come questa che oggi ci porta a piangere due giovani colleghi, appena trentenni, un agente e un agente scelto, “colpevoli” di indossare una divisa. È da tempo che chiediamo a gran voce dotazioni idonee come il taser e come riconoscimento a quelli che sono i pericoli che ogni giorno fronteggiamo su strada. Non è accettabile morire così e per mano di chi non ha rispetto per la vita e della legge”.