×

Tentata aggressione a Salvini: fermato esponente di sinistra italiana

Intervento fondamentale della scorta di Salvini. Il leader della Lega, giunto a Napoli, è stato preso di mira da un esponente della sinistra italiana

tentata aggressione a Salvini
tentata aggressione a Salvini

Tentata aggressione a Salvini durante la sua visita a Napoli. A minacciare il leader della Lega e cercare il violento contatto fisico è stato un esponente della sinistra italiana. Fondamentale l’intervento della sua scorta.

Tentata aggressione a Salvini

Un susseguirsi di parolacce e offese personali contro l’ex ministro degli Interni, poi la tentata aggressione frenata dall’immediato intervento della scorta di Salvini, che ha così evitato lo scontro. Per quanto accaduto a Napoli è stato fermato un esponente della sinistra italiana. Il video è stato successivamente pubblicato sui social, dove presto è diventato virale.

Martedì 5 novembre nei pressi di Palazzo Cellammare sono comparse scritte contro la Lega e il suo leader. “Odio la Lega”, “Salvini, Napoli ti schifa” sono tra gli insulti più gettonati. Non è passata inosservata neppure la scritta “Parlaci dei rubli”, che ha sostituito “Parlaci dei 49 milioni”.

Matteo Salvini è tornato a Napoli per gettare le basi della campagna elettorale in vista delle elezioni regionali del 2020 in Campania.

“Dobbiamo mandare a casa Vincenzo De Luca, che è tanto bravo a chiacchierare quanto incapace a risolvere i problemi dei rifiuti, del lavoro e della sanità”, ha infatti dichiarato in una delle dirette pubblicate sul suo Facebook. Tuttavia, per il momento non è dato a sapere il nome del candidato leghista che scenderà in campo per aggiudicarsi la poltrona di Palazzo Santa Lucia. Potrebbe rinnovarsi, anche in Campania, la coalizione di centrodestra, ma ancora non sussistono informazioni certe in merito.

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Asia Angaroni

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche