×

Consigliere leghista insulta le Sardine nere: “Se non nuotano battono”

Condividi su Facebook

Pietro Burgazzi ha insultato le Sardine nere con un post su Facebook: nonostante il messaggio sia sparito, sul web scoppia la polemica.

sardine nere
sardine nere

Il consigliere leghista di Cremona, nonché segretario cittadino, Pietro Burgazzi ha condiviso su Facebook degli insulti alle Sardine nere. Dopo aver pubblicato un immagine con delle donne di colore che manifestavano in un corteo, è arrivato il commento del leghista. Il post è stato immediatamente cancellato dal profilo, ma molti utenti lo hanno segnalato. Nell’immagine si vedevano le “sardine nere” in corteo “per difendere i diritti di clandestini e immigrati”. Il commento di Burgazzi, invece, era: “Quando non battono, nuotano”. L’ondata di indignazione a seguito del messaggio ha portato il leghista alle dimissioni.


Consigliere leghista insulta Sardine nere

insulti sardine nere

Un comportamento inaccettabile per un consigliere leghista di Cremona: Paolo Burgazzi ha pubblicato un commento contro le Sardine nere. Corredato dall’immagine di un corteo, il segretario della Lega di Cremona ha scritto: “Quando non battono, nuotano”. Nonostante sia stato cancellato dopo pochi minuti, il messaggio ha suscitato l’indignazione degli utenti. Da quanto si apprende, inoltre, il leghista avrebbe rassegnato le dimissioni.

Il sindaco dem di Cremona, Gianluca Galimberti, (che ha partecipato al corteo per Liliana Segre) si è espresso sull’episodio. “Quello del consigliere Burgazzi è un commento che offende tutte le donne innanzitutto, che offende le donne e le persone di colore, che offende chi manifesta pacificamente le proprie idee. Dietro a questo commento c’è violenza, c’è brutalità, c’è volgarità, ci sono stereotipi.

C’è anche la volontà di ferire senza conoscere”.

“Trovo grave che una persona, chiunque sia, possa scrivere così – aggiunge ancora il primo cittadino -. Trovo gravissimo che lo faccia un uomo delle istituzioni. Esprimere le proprie idee non corrisponde a esprimere odio. Sbagliato sempre, pericoloso sempre, da condannare sempre. L’odio, e vengo dalla manifestazione a Milano con Liliana Segre, non ha futuro”.

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche