×

Manovra, le misure approvate in Senato: dalla plastic tax alle auto aziendali

Condividi su Facebook

Il Senato ha dato il via libera alla Manovra economica 2020 con un valore di 32 miliardi: numerose le misure sottoposte a modifica.

manovra assegno unico

La manovra economica è stata approvata dal Senato nella serata di lunedì 16 dicembre e, con le ultime misure approvate, arriva a un valore pari a 32 miliardi di euro. Da quanto si apprende, inoltre, la plastic tax è stata più che dimezzata, mentre la tassa sulla auto aziendali è stata cancellata. Infiammano le polemiche, invece, sullo stop alla cannabis light, dichiarata inammissibile dalla presidente Elisabetta Casellati. Infine, la tassa sullo zucchero slitta a ottobre 2020.

Manovra economica 2020: le misure introdotte

Con 166 sì e 128 no il Senato ha approvato la Manovra economica 2020: tantissime le misure introdotte e le modifiche apportate.

Una delle tasse più dibattute introdotta dal governo giallo-rosso, la plastic tax, è stata più che dimezzata. Infatti, anziché un miliardo, lo Stato incasserà 140,6 milioni dall’accisa sulla plastica. Tutto ciò, però, a partire dal 1 luglio 2020.

Nel 2021, invece, entreranno nelle casse dello stato poco più di 521 milioni; nel 2022 passeranno invece a 462 milioni e 395,4 milioni nel 2023.

Via libera dal 1 ottobre 2020 alla sugar tax: la tassa sullo zucchero prevede un valore di 0,10 centesimi al litro e 0,25 al chilo. Le entrate previste da questa tassa sono ridotte a 58,5 milioni di euro (nelle previsioni iniziali erano di 233 milioni). Aumenta di 3,5 punti percentuali, invece, la Robin Tax, ovvero l’addizionale Ires sui redditi derivanti dallo svolgimento di attività in concessione. Questa tassa si applicherà però soltanto al settore dei trasporti autostradali, gestione aeroportuali, portuali e ferroviarie.

Dal 1 luglio 2020 verrà introdotta anche l’imposta sulle auto aziendali calcolata sulla base del tasso di inquinamento del veicolo.

Si parla di 25% per le auto con emissioni di Co2 inferiori a 60 grammi per chilometro, 30% per quelle tra 60 e 160 grammi per km, 40% tra 160-190 grammi, e 50% oltre i 190 grammi.

Per quanto riguarda Quota 100, la misura per le pensioni simbolo dell’intesa giallo-verde, sono previsti circa 300 milioni. L’esecutivo, inoltre, ha fermato le clausole di salvaguardia per 23,072 miliardi nell’anno 2020 scongiurando quindi un aumento dell’Iva. Stando alle previsioni, le clausole saliranno a 27,141 miliardi nel 2022, 27,412 miliardi nel 2023, 27.512 miliardi nel 2024 e 27,612 miliardi dal 2025. Inoltre, ci sarà un incentivo di 7 milioni di euro nel 2020 per favorire il pensionamento anticipato dei giornalisti professionisti iscritti all’albo e dipendenti di imprese editrici di quotidiani, agenzie di stampa e periodici nazionali.

Le altre misure

Dal 1 marzo 2020 aumenterà del 20% il prelievo fiscale sulle vincite superiori a 500 euro.

Arrivano anche le continuità territoriali per la Sicilia: saranno riconosciute tariffe sociali per le persone con disabilità, lavoratori e studenti. Alla capitale europea del Volontariato (Padova), invece, arriveranno 500 mila euro. Anche Venezia potrà beneficiare di alcuni fondi per interventi di manutenzione ordinaria. I medici verranno aumentati di circa 1000 unità, mentre resta la detrazione al 19% per le spese sanitarie senza vincoli di reddito. Un miliardo in più arriverà infine a Milano per realizzare opere utili alle Olimpiadi invernali nel 2026. Sconto in fattura, invece, per eco e sisma bonus per i lavori oltre i 200 mila euro.

Due mesi in più per formalizzare le istanze dei risparmiatori truffati: semplificata la procedura di accesso al Fondo di Indennizzo per i risparmiatori (FIR). Approda anche una nuova norma contro le ‘bollette pazze’ di energia elettrica, gas, acqua: sanzioni fino a 100 euro per i gestori.

Verranno stanziati 900 mila euro per il potenziamento del personale dell’Istituto nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti e per il contrasto delle malattie della povertà (Inmp).

Aumenta di 1 milione di euro in più all’anno, nei prossimi tre anni, il fondo per le cooperative sociali nuove assegnatarie di beni confiscati alle mafie.

Inoltre, saranno esenti dall’Imu i proprietari degli immobili che perdono la propria casa per trasferirle a società veicolo. I monopattini elettrici, infine, sono equiparati alle biciclette.

Misure nell’Istruzione e del lavoro

Nell’ambito dell’istruzione scompare il bonus docenti introdotto dalla Buona Scuola voluta da Renzi e raddoppia l’aumento del fondo per il diritto allo studio universitario (da 16 a 31 milioni di euro). Per quanto riguarda gli asili, invece, è stato creato un fondo di 100 milioni di euro attivo dal 2021 al 2023 e di 200 milioni di euro annui dal 2024 al 2034. Tale denaro verrà impiegato per interventi di messa in sicurezza, ristrutturazione, riqualificazione o costruzione di edifici di proprietà dei Comuni.

Un emendamento della Manovra apre al professionismo per le atlete italiane: è stato introdotto, infatti, uno sgravio contributivo del 100% per tre anni per le società che stipuleranno contratti di lavoro sportivo con atlete donne.

Lo stipendio dei Vigili del Fuoco è stato equiparato a quello delle altre forze dell’ordine: verranno stanziati a tale scopo 65 milioni per il 2020 e di altri 290 milioni nei due anni successivi. Scompare, invece, la cedolare secca per i negozi nel 2020.

Viene introdotto anche un bonus di 400 euro per le mamme che non possono allattare fino al sesto mese. Inoltre, dal 2020 le aziende che assumeranno degli apprendisti potranno beneficiare di uno sconto del 100% dei contributi. Il fondo per i disabili è stato incrementato di 20 milioni di euro per il 2020.

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche