×

Salvini attacca Conte sul discorso di fine anno: “Ossessionato da me”

Condividi su Facebook

Durissima replica di Matteo Salvini al discorso di fine anno del premier Giuseppe Conte a Villa Madama: "È ossessionato da me".

salvini attacca conte
salvini attacca conte

Matteo Salvini attacca di nuovo il premier Giuseppe Conte: dopo le frecciatine dell’avvocato del popolo al leghista, arriva la replica dell’ex ministro. Nel suo discorso di fine anno a Villa Madama, infatti, il presidente del Consiglio ha tenuto a specificare che la “modalità faziosa e propagandistica” di Salvini “non mi appartiene”. A poche ore di distanza, però, il leader del Carroccio ha inviato la sua replica al premier. “A Conte – ha detto Salvini – auguro buona fortuna, è una persona che vive male. È ossessionato da me, si alza la mattina pensando a Salvini e si addormenta la sera pensando a Salvini. Io mi addormento pensando a cose più gradevoli”.


Salvini attacca Conte

Giuseppe Conte ha tenuto il suo consueto discorso di fine anno da Villa Madama, durante il quale ha toccato moltissimi temi attuali.

Dalla Manovra all’operato del governo, dal Clima all’Immigrazione, dalla Libia all’Unione Europea fino a nominare i due successori del dimissionario Fioramonti. Non è mancata, però, una frecciatina di Conte a Salvini, che attacca: “Ritengo che (la Lega ndr.) sia una forza pienamente legittimata a partecipare al gioco democratico. Quello che mi ha meravigliato è il modo con cui Salvini interpreta la sua leadership, con slabbrature e strappi istituzionali. Questa modalità di interpretare il suo ruolo la ritengo insidiosa, la Lega in sé no”.

Immancabile, però, la replica di Salvini che ritene che il presidente del Consiglio sia “ossessionato” dalla sua figura: “Si alza la mattina pensando a Salvini e si addormenta la sera pensando a Salvini”. Inoltre, sulla metafora della maratona utilizzata dal premier per annunciare tre anni di riforme, il leghista ironizza così: “Non arriva nemmeno al primo chilometro.

L’ostacolo sarà la realtà, c’è una situazione economica preoccupante“.

Rispetto allo sdoppiamento del Ministero dell’Istruzione, invece, Salvini ha attaccato ancora: “Molla un ministero? Ne mettono due. L’amore per le poltrone di questi impostori è senza limiti”. E anche sul caso Gregoretti non manca il commento del leghista: “Mi vogliono mandare a processo perché, come ogni sinistra che si rispetti, se non riescono a vincere nelle urne, provano a vincere in tribunale. Non vedo l’ora che mi chiamino in tribunale a rispondere del reato di difesa della sicurezza nazionale”.

L’attacco al Pd

Infine, Matteo Salvini lancia un ultimo attacco anche al Pd sul tema delle prossime elezioni regionali: “Per loro perdere l’Emilia-Romagna sarebbe una catastrofe – sostiene il leghista -. Una notizia che fa il giro del mondo da Tokyo a New York.

Conto che il governo vada a casa al di là delle sconfitte che incasseranno sia in Emilia Romagna che in Calabria. Se Conte e Renzi pensano di cancellare Quota 100 e di tornare alla Legge Fornero, faremo le barricate in Parlamento e fuori. Li teniamo bloccati giorno e notte per mesi”.

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche