×

Coronavirus, conferenza stampa di Conte: “Subito fondi ai comuni”

Condividi su Facebook

Conte ha annunciato in una conferenza stampa che i comuni avranno a disposizione del denaro per aiutare le famiglie in difficoltà durante l'emergenza coronavirus.

Coronavirus conferenza stampa Conte

É terminata la conferenza stampa di Giuseppe Conte: all’ordine del giorno nuove misure a favore dei sindaci che potranno usufruire subito di 4 miliardi e 700 milioni per aiutare le famiglie in difficoltà.

Conferenza stampa di Giuseppe Conte

Come prima cosa permettetemi di rivolgere un commosso pensiero per i familiari delle vittime. C’è un altro dato che nello stesso tempo ci incoraggia: oggi segnaliamo il numero più alto di guariti. Ci confronteremo con gli scienziati e confidiamo che ci portino nuove notizie. Noi ci manteniamo sempre vigili e attenti per adeguare le nostre valutazioni sulla base delle loro raccomandazioni.

Fondi ai Comuni per buoni spesa

Oggi vogliamo anche dare un segno concreto della presenza dello stato: siamo consapevoli che ora in tanti soffrono, non tutti eravamo abituati a stare in casa e limitare gli spostamenti. Ma ci sono anche sofferenze materiali e qui, con i ministri, abbiamo lavorato intensamente per varare subito un provvedimento di grande impatto coinvolgendo i sindaci, le nostre prime sentinelle per quanto riguarda le comunità locali e affidandoci a loro. Ho appena firmato un DPCM che dispone che la somma di 4 miliardi e 300 mila verrà messa sul Fondo di Solidarietà Comunale. Con una ordinanza della Protezione Civile aggiungiamo 400 milioni che destiniamo ai comuni con il vincolo di utilizzarle per le persone che non hanno i soldi per fare la spesa. Da qui nasceranno buoni spesa ed erogazioni di generi alimentari.

Deve nascere una catena di solidarietà: abbiamo anche previsto misure rafforzate per favorire le donazioni. Faccio un appello alla grande distribuzione affinché possa aggiungere un 5-10% di sconto a chi acquista con questi buoni spesa.

Stiamo lavorando intensamente anche per dimezzare o meglio azzerare i tempi della burocrazia in modo che chi aspetta la cassa integrazione e i vari bonus li possa ricevere il prima possibile. Vi chiedo di comprendere questo sforzo. Purtroppo la macchina statale comprende procedimenti lunghi ma noi stiamo facendo di tutto per azzerarli“.

Ha poi lasciato la parola al ministro Gualtieri che ha spiegato come i sindaci potranno utilizzare i soldi sia per l’erogazione di buoni spesa che per la distribuzione diretta di prodotti alimentari e di prima necessità. “La misura sarà operativa già da domani mattina (29 marzo). Ringrazio il Presidente dell’Anci per questo sforzo straordinario“.

Presente in videocollegamento, Antonio Decaro ha chiarito che il provvedimento ha zero burocrazia e che le risorse verranno distribuite in base alla popolazione e al loro indice di povertà.

Proroga delle misure restrittive oltre il 3 aprile

In chiusura il Premier ha anche specificato che le attività didattiche, come anticipato dal ministro Azzolina, continueranno ad essere sospese anche oltre il 3 aprile 2020. Per quanto riguarda quelle produttive, “è una misura che allo stato non sappiamo ancora. All’inizio della settimana inizieremo a lavorarci e riteniamo che comunque questa sia una misura conveniente. Confidiamo che da questa sospensione ne possa derivare una fuoriuscita quanto più rapida possibile“.


Richiesta del bonus di 600 euro dal 1 aprile

Sul 1 aprile sul sito dell’Inps sarà possibile fare la domanda e avere erogati i 600 euro per coloro che ne hanno diritto.

Vogliamo rafforzare questa misura e allargarla a tutti i cittadini che ne hanno bisogno“, ha chiarito Gualtieri.

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:

1
Scrivi un commento

1000
1 Discussioni
0 Risposte alle discussioni
0 Follower
 
Commenti con più reazioni
Discussioni più accese
1 Commentatori
più recenti più vecchi
Kujtim Zaka

Gracie


Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.