×

Coronavirus, restrizioni e divieti fino al 2 maggio: l’ipotesi del governo

Condividi su Facebook

In arrivo la proroga delle restrizioni per il contenimento del coronavirus: la data che circola è quella del 2 maggio.

coronavirus proorga restrizioni 2 maggio

Stando a quanto apprende l’Ansa, il governo sarebbe pronto alla proroga delle restrizioni anti coronavirus per altri 14 giorni, precisamente fino al 2 maggio 2020. L’annuncio da parte di Conte dovrebbe avvenire nei prossimi giorni.

Coronavirus: proroga delle restrizioni fino al 2 maggio

Per gli italiani si prospettano altre due settimane di divieti e misure di contenimento. Il decreto in vigore ha infatti scadenza in data 13 aprile 2020 ma è ormai inevitabile che le restrizioni non potranno avere fine in quella giornata. I cittadini dovranno rimanere dunque ancora in isolamento fino alla fine del mese. Il Premier Conte sta nel frattempo avendo contatti con i sindacati e con il comitato tecnico-scientifico per eventuali modifiche delle nome attualmente in vigore.

Sarebbe infatti trapelata la possibilità di riaprire alcune piccole attività della filiera agroalimentare e sanitaria, ma per il momento rimane soltanto un’indiscrezione.

Se così fosse, le riaperture avverranno soltanto laddove sarà possibile rispettare le norme di distanziamento tra i lavoratori. Il Presidente del Consiglio dovrebbe divulgare tutte le informazioni nel weekend di Pasqua.


Prima invece di poter tornare ad uscire dal proprio domicilio normalmente, bisognerà attendere ancora qualche tempo. In un’intervista alla BBC il Premier ha spiegato che per riaprire e ricondurre una vita normale è troppo presto e sarebbe irresponsabile farlo proprio ora che i contagi sono in via diminuzione rispetto alle settimane precedenti.

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:
2 Commenti
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Roberta Ercolanelli
9 Aprile 2020 21:43

Caro Ministro io la penso come lei ora che stiamo migliorando sarebbe pericoloso riassemblare la gente nelle aziende, tanto ormai non sono 15 giorni che cambiano la vita….

Eduardo
10 Aprile 2020 00:32

Sì mica cambiano la vita.ma sì te amala e muore la vita de tua Famiglia cambia .meglio stare a casa per adesso anche Bergamo che vuole sempre lavorare, per quello anno avuto tante vittime per non chiudere a tempo e sottovalutare la malattia.


Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.