×

Ciriaco De Mita ricoverato in ospedale dopo un malore: le sue condizioni

Condividi su Facebook

Ciriaco De Mita è stato colto da malore ed è stato ricoverato in ospedale ad Avellino: le sue condizioni sarebbero buone.

ciriaco de mita
ciriaco de mita

L’ex segretario della Democrazia Cristiana e attuale sindaco di Nusco, in Irpinia, Ciriaco De Mita è stato colto da un malore. Dopo il ricovero in ospedale al Moscati di Avellino, però, i medici hanno assicurato che le sue condizioni sono buone. Pare non si tratti di coronavirus, in quanto l’ex premier non ha presentato alcun sintomo sospetto riconducibile al Covid. All’età di 92 anni, però, ha presentato dei problemi cardiaci. Anche alcuni anni prima aveva accusato simili problematiche.

Ciriaco De Mita ricoverato in ospedale

La zona di Avellino è stata inserita in nei territori più colpiti dal coronavirus in Campania. Ciriaco De Mita, però, non avrebbe contratto l’infezione: è stato ricoverato in ospedale dopo aver accusato un malore. Secondo i medici, infatti, potrebbe trattarsi di problemi cardiaci, già presentati anche in passato. Entrato in ospedale per effettuare precauzionalmente una serie di esami diagnostici, potrebbe essere dimesso dopo una notte di osservazione.

Il malore lo ha colto nel pomeriggio di giovedì 9 aprile.

De Mita è al suo secondo mandato da sindaco di Nusco, il comune dove è nato e dove abita da sempre. Il malore avrebbe un’origine cardiaca, dovuta forse all’età elevata. De Mita ha compiuto 92 anni. L’ospedale Moscati, dove è ricoverato il primo cittadino, infine, non ospita reparti Covid-19.


Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.