×

Coronavirus, Gualtieri annuncia: “3,5 miliardi a Comuni e Province”

Condividi su Facebook

Per l'emergenza coronavirus sono stati stanziati ulteriori fondi per Comuni e Province: l'annuncio di Gualtieri.

coronavirus-comuni-fondi-gualtieri
Coronavirus. nuovi fondi per Comuni e Province: l'annuncio di Gualtieri

Grande soddisfazione per il titolare del ministero dell’Economia, Roberto Gualtieri. Nuovi fondi stanziati per Comuni e Province in occasione dell’emergenza coronavirus. Lo ha annunciato il ministro con un cinguettio social: “Sforzo straordinario del Governo nell’incontro di venerdì 17 con Comuni e Province: fondo da 3,5 miliardi nel decreto aprile per accogliere le richieste dei sindaci in prima linea nel contrasto agli effetti del Covid-19.

Insieme supereremo la crisi”, scrive su Twitter un soddisfatto Gualtieri. Nonostante ciò, però, Antonio Decaro non si dice pienamente soddisfatto: “Apprezziamo lo sforzo del governo, una iniezione di 3 miliardi di euro, una cura per le città – ha detto il presidente dell’Anci -. Ma queste risorse rischiano di essere comunque insufficienti rispetto al calo delle entrate che noi sindaci stimiamo in circa 5 miliardi di euro. Pur, quindi, riconoscendo un significativo sforzo, abbiamo chiesto e ottenuto un tavolo di monitoraggio per tenere sotto controllo le perdite dei Comuni che dipenderanno dai tempi del lockdown”.

Coronavirus, 3,5 miliardi a Comuni e Province

Insomma, nonostante la soddisfazione degli esponenti di Governo, gli amministratori locali chiedono ulteriori fondi d’aiuto per i propri cittadini. Antonio Decaro, sindaco di Bari, evidenzia come: “Le entrate dei Comuni stanno scendendo, e scenderanno inesorabilmente, in base al protrarsi della fase di stop e al tempo necessario per un vero riavvio.

Al momento per il mese di marzo, il primo di lockdown, abbiamo riscontrato un calo del 53 per cento, relativamente alle entrate tributarie, e del 22 per cento per le entrate tariffarie. Numeri che ci dicono che queste risorse sono fondamentali”.

Decaro evidenzia come gli enti locali funzionino come delle vere e proprie aziende: “Entrate e uscite regolano il bilancio e quindi la sostenibilità delle spese. Ma le spese di un Comune significano servizi per i cittadini: raccolta rifiuti, trasporto pubblico, servizi sociali.

Ecco perché quando si parla di quanto serve ai Comuni si deve tenere ben presente che o si garantisce l’equilibrio di bilancio degli enti o si dice ai cittadini che i servizi essenziali non saranno più assicurati”. Michele De Pascale, presidente UPI, si dice invece soddisfatto: “Un incontro positivo nel quale abbiamo avuto dal Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri rassicurazioni importanti che nel prossimo decreto legge ci saranno risposte chiare per Province, Comuni e Città metropolitane”.

Decreto Aprile

Intanto il Governo è a lavoro per il Decreto Aprile. Introduzione del reddito di emergenza e conferma del bonus per gli autonomi che potrebbe salire anche oltre gli 800 euro. Questo è lo schema su cui sta lavorando l’esecutivo. In questi giorni si susseguono le riunioni per mettere a punto le misure e arrivare a varare il decreto entro fine mese. Niente sanzioni e interessi a chi, per le difficoltà economiche legate all’emergenza Coronavirus, non dovesse riuscire a pagare in tempo la prima rata Imu-Tasi, in scadenza il 16 giugno. Ancora da stabilire entro quale data i ritardatari potranno saldare la rata senza essere sanzionati. Sarebbe tramontata invece l’ipotesi di consentire di fare slittare fino a settembre la prima scadenza di giugno.

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Antonino Paviglianiti

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.