×

Migranti, Bellanova: “Senza regolarizzazioni, rifletto sulle mie dimissioni”

Senza il via libera alle regolarizzazioni dei migranti, Bellanova è pronta alle dimissioni: "Non sono qui a fare tappezzeria".

bellanova regolarizzare dimissioni

Quello della regolarizzazione dei migranti irregolari, per far fronte all’emergenza sanitaria e alla crisi economica in atto, è uno dei tanti nodi ancora da sciogliere all’interno della maggioranza per la stesura del decreto maggio e la ripartenza del Paese.

A farsene portavoce è, in modo particolare, la ministra delle Politiche agricole Teresa Bellanova, la quale ha ribadito che non si tratta di una “battaglia strumentale per il consenso” quanto, piuttosto, una necessità da cui dipende la sua stessa permanenza al governo: in caso di nulla di fatto, non esclude la possibilità di presentare al presidente del Consiglio le proprie dimissioni.

Bellanova minaccia le dimissioni

Ai microfoni di Radio Anch’io, la ministra Bellanova ha ribadito che la regolarizzazione non ha a che fare con il gioco politico, dal momento che i lavoratori interessati dalla manovra non possono accedere alle urne: “In questo Paese, anche in questa fase di crisi, tanti guardano al consenso, a fare misure per dire ‘ti ho dato, ora votatemi’. Noi stiamo facendo una battaglia per quelli che non voteranno o che almeno non voteranno nei prossimi anni”.

“Se la misura non passa, questo, per me, è motivo di riflessione sulla mia permanenza nel governo” ha continuato la ministra. “Non sono qui per fare tappezzeria. Ci sono delle questioni che non si sono volute affrontare o che sono state affrontate in maniera sbagliata”. L’obiettivo è “concedere un permesso di soggiorno temporaneo per sei mesi, rinnovabile per altri sei, per le aziende e le famiglie che vogliono regolarizzare. Ci sarà anche un contributo per lo Stato, anche se non bisogna esagerare: si tratta di persone sfruttate per 3 euro l’ora facendo concorrenza sleale alle imprese che rispettano le regole”.

Lamorgese: “Condivisione di fondo”

A sostegno delle misure chieste dalla ministra dell’Agricoltura interviene Luciana Lamorgese, che parla di una “condivisione di fondo. Ieri abbiamo avuto degli incontri. Riguarderà anche tanti italiani oltre che gli stranieri. C’è la necessità di far emergere questi lavoratori non solo per garantire i diritti delle persone, ma anche per esigenze di sicurezza sanitaria che in questo momento sono necessarie. Stiamo lavorando e spero che nelle prossime ore si riesca ad arrivare ad un testo definito”.

Giornalista pubblicista classe 1994, nata in provincia di Monza e Brianza, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.


Contatti:
5 Commenti
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Leonardo Innocenti
6 Maggio 2020 10:51

Arrivederci signora è stato un piacere!

giacy e sporcamp e simule in capine minacciare ora
6 Maggio 2020 14:09

Non mancherà a nessuno….

tomy
6 Maggio 2020 22:21

Li mandi.in.germania che la Merkel Liga infitati e non litaliani Server lavoro al popolo e Le distruge i lavoratori italiani pensi al popolo prima e Bastard a. Distrugere litalia con questi migranti Li mete in nave Grade da viagio e li spedisce alle Merkel basta frühere litalia siete una vergognia a tepi corona a fare sbarcare come Mai arivano sembre Solo in italia vergognioso tutto

Valentino
7 Maggio 2020 00:20

valentinoscarfato176@gmail.com

babc
10 Maggio 2020 06:09

gente in viaggio non bisogna fermarle.


Contatti:
Lisa Pendezza

Giornalista pubblicista classe 1994, nata in provincia di Monza e Brianza, è laureata magistrale in "Lettere moderne" presso l’Università degli Studi di Milano. Ha scritto per la rivista Viaggiare con gusto.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora