×

Salvini contro l’euro: “Un vantaggio solo per la Germania”

Condividi su Facebook

Torna a parlare della moneta unica Matteo Salvini. Il leader della Lega si schiera apertamente contro l'euro.

salvini-euro
Salvini critico con l'euro: "Un vantaggio solo per la Germania"

Per Matteo Salvini l’aver adottato l’euro, dunque una moneta unica a livello europeo, è stato un grossissimo errore. Una critica feroce che arriva dal salotto di Fuori Dal Coro, trasmissione di Rete 4, dove il leader della Lega non ha fatto nulla per nascondere la propria posizione sull’Eurozona: “L’euro è stato un errore, si è avvantaggiata solo la Germania, in questo momento non è la mia priorità uscire, ma dare lavoro agli italiani”.

Salvini e l’euro: il suo pensiero

Matteo Salvini, però, ci tiene a precisare che la sua posizione non sia anti-europeista: “Le idee non cambiano non siamo contro l’Europa, ma all’origine la Ue aveva alla base l’idea di benessere, ora ti impone la legge Fornero, la tassa sulla casa, se devo scegliere tra i diktat europei e il benessere degli italiani, scelgo gli italiani”.



Dura la critica, dunque, nei confronti di Giuseppe Conte e del suo Recovery Plan da presentare alla Commissione Europea nella giornata del 27 maggio. Per Matteo Salvini, comunque, questi sono dei giorni alquanto frenetici. Nella giornata di martedì 26 maggio è arrivato il voto della Giunta in Senato che non ha concesso l’autorizzazione a procedere per il caso Open Arms.

Una notizia accolta positivamente da Matteo Salvini: “Avevo chiesto io il processo per il caso Gregoretti, perché fosse stabilito se difendere i confini è stato il mio dovere o un reato, per questo avevo chiesto di andare davanti al giudice. Ma un processo è sufficiente”.

Le chat tra magistrati

E sul tema ‘chat private tra magistrati’, Salvini ribadisce il suo pensiero anche in televisione. “Mi aspetto che colui che comanda il Csm, ovvero il presidente della Repubblica Mattarella, lo sciolga, perché dopo quello che abbiamo letto, qualche dubbio che la giustizia sia uguale per tutti viene e dunque serve una rinomina con un’estrazione a sorte per tagliare il sistema di potere della magistratura e dare fiato ai tanti magistrati liberi.

Il Csm va azzerato, noi faremo una riforma della giustizia in nome del popolo italiano e non in nome di qualche corrente”.

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Antonino Paviglianiti

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.