×

Recovery Fund, Giuseppe Conte: “Digitalizzazione e riforma fiscale”

In una lettera Giuseppe Conte ha descritto i punti su cui incidere dopo l'imminente sblocco del Recovery Fund: "Alziamo la testa".

recovery fund giuseppe conte

Dall’Europa sono in arrivo i fondi del cosiddetto Recovery Fund: il premier Giuseppe Conte ha spiegato come utilizzarli e far ripartire l’economia italiana. Incentivi per la digitalizzazione, rafforzamento delle imprese, riduzione della burocrazia, riforma fiscale: questi i punti affrontati dal presidente del Consiglio in una lettera pubblicata sul Corriere della Sera.

Azioni che Conte ritiene fondamentali per la ripartenza del Paese Italia nella Fase 2 dell’emergenza coronavirus.

Recovery Fund, l’intervento di Conte

“Questo è il momento per alzare la testa e volgere il nostro sguardo al futuro.

– ha scritto il premier – Abbracciando questa prospettiva, con coraggio e visione, trasformeremo questa crisi in opportunità. Ci sono alcune azioni fondamentali per recuperare il divario di crescita economica e produttività, nei confronti degli altri Paesi europei, che ci ha caratterizzato soprattutto negli ultimi vent’anni.

Incentivi alla digitalizzazione

Tra i punti più interessanti, come già accennato, gli incentivi per la digitalizzazione. Conte ha parlato della diffusione dell’identità digitale, dell’interconnessione delle banche dati pubbliche e della realizzazione di una banda larga in tutto il Paese.

Ma l’attenzione di Conte sul Recovery Fund è catalizzata dalle aziende e dal lavoro che nei fatti devono far ripartire l’economia.

Riduzione della burocrazia

“Occorrono una decisa azione di rilancio degli investimenti pubblici e privati e una drastica riduzione della burocrazia. – ha scritto Conte – Potremo utilizzare le risorse europee per realizzare le infrastrutture strategiche del Paese, a partire dalle grandi reti telematiche, idriche ed energetiche. Le opere pubbliche vanno sbloccate anche per mezzo di un intervento normativo a carattere temporaneo, su cui il Governo sta già lavorando”.

L’ipotesi di riforma fiscale

Il premier ha espresso poi la volontà di introdurre una seria riforma fiscale. “L’attuale disciplina fiscale è un dedalo inestricabile. – ha concluso Giuseppe Conte – Sono cinquant’anni che non si interviene più con una riforma organica, ma ci si affida a interventi che operano sovrapposizioni e stratificazioni. Dobbiamo avere il coraggio di riordinare il sistema delle deduzioni e delle detrazioni”.

Contents.media
Ultima ora