×

Salvini sulla protesta di Mondragone: “Teppisti dei centri sociali”

Condividi su Facebook

Diversi cittadini hanno protestato a Mondragone contro l'arrivo di Matteo Salvini, che ha replicato: "I soliti delinquenti hanno sfasciato tutto".

Matteo Salvini nella casertana Mondragone viene accolto dai cittadini in maniere diametralmente opposte. C’è chi dedica lui cartelloni di benvenuto e chi invece striscioni di insulti, non tutti insomma gradiscono la visita del leader della Lega, che il 30 giugno 2020 sarà a Castel Volturno.

Matteo Salvini a Mondragone: proteste

La città di Mondragone è ancora provata dalle tensioni che si sono verificate in una determinata area, a causa di un focolaio di Coronavirus. I residenti si sono scontrati tra di loro, suddividendosi in italiani e stranieri, arrivando persino a lanciarsi sedie dai balconi e richiedendo l’intervento delle forze dell’ordine.

In questo clima acceso, l’arrivo di Matteo Salvini. Gli striscioni di chi è contro recitano frasi come “Non sei il benvenuto” e “Torna nella fogna” ma anche “Vattene! Pensa ai problemi del tuo Nord”. Per alcuni cittadini, la sua sarebbe una campagna elettorale tattica in una zona sensibile ai temi della convivenza tra italiani e stranieri.

I cittadini: “Siamo stanchi delle passerelle”

“Siamo stanchi di passerelle. Vogliamo fatti, Salvini oggi viene a fare una passerella, che cosa ha fatto contro le mafie?”, dice un gruppo di manifestanti, definendo il suo arrivo come sciacallaggio politico.

C’è stato poi qualche momento di tensione ma le Autorità hanno sedato gli animi, parlando con chi protestava.

Critiche al leader della Lega anche da parte di Roberto Saviano, intervistato da Fanpage: “Dovresti chiedere perdono per come hai gestito l’emergenza migranti, per come hai messo gli uni contro gli altri, per come hai acceso gli animi per puro tornaconto elettorale”, ha detto. L’autore di Gomorra accusa poi Matteo Salvini di strumentalizzare le vicende, scegliendo Mondragone come meta per vomitare la sua bile sui migranti che vivono là”.

Interrotto il discorso di Salvini: “Sciacallo!”

Durante il discorso di Matteo Salvini a Mondragone, i manifestanti sono intervenuti urlandogli insulti e lanciando acqua: “Bene, ho anche caldo!”, ha controbattuto. Il tutto è iniziato già alle ore 19, non appena il leader della Lega ha preso parola dal gazebo allestito sulla Domiziana.

Le urla dei cittadini hanno sovrastato la sua voce, tanto che ha dovuto interrompersi. Non ha mai fatto nulla per questa terra.

Siamo orgogliosi di essere terroni”, dicono alcuni, mentre altri gli gridano: “Sciacallo”, “Non ti vogliamo” e “Odio la Lega!”. Alla fine, le forze dell’ordine sono dovute intervenire utilizzando anche i manganelli per allontanare i contestatori.

Il commento del leader leghista

Subito dopo la contestazione subita nel comune casertano, Salvini ha commentato quanto accaduto con un video sulla sua pagina Facebook, in cui afferma: “Sono qua alle porte di Caserta, sono stato a Mondragone. Era in programma un incontro con mamme e agricoltori e inquilini di un quartiere di Mondragone, ma i soliti delinquenti criminali teppisti dei centri sociali hanno sfasciato tutto.

Il leader leghista ha inoltre precisato come anche alcune mamme con i loro figli siano stati bersaglio della sassaiola partita dal corteo di contestatori: “Hanno lanciato di tutto, bottiglie, uova, bastoni, sputi, acqua non fanno paura a me, ma c’erano tante mamme bambini. Alcune le abbiamo prese in braccio per toglierle da quella calca, concludendo il suo discorso: “Ci torniamo, a Mondragone, a Caserta a Castel Volturno”.

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine.


Contatti:
2 Commenti
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Monia
29 Giugno 2020 21:37

Matteo lasciali nella sua MERDA.. a loro piace cosi!!

Mara muratore
30 Giugno 2020 00:04

A prescindere dalle idee politiche si dovrebbe avere il coraggio non solo di far sentire la propria voce ma di ascoltare pure gli altri.


Contatti:
Cecilia Lidya Casadei

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.