> > Toninelli sulla lite al bar: "Erano in 15, una squadra"

Toninelli sulla lite al bar: "Erano in 15, una squadra"

Toninelli, video sulla lite al bar: si spiega

Danilo Toninelli si sfoga su Facebook, parlando della lite avvenuta in un bar di Roma, con un gruppo di persone. "Volevano solo attaccarmi".

Dopo la lite al bar di Toninelli con un gruppo di persone, arriva il messaggio su Facebook dell’ex Ministro alle Infrastruttture e dei Trasporti. Un tempo capogruppo del Movimento 5 Stelle, si trovava a Roma quando è scoppiata una bagarre con alcuni cittadini, tra domande incalzanti e scomode, atteggiamenti minacciosi.

Toninelli sulla lite al bar: “Volevano aggredirmi”

L’ex ministro, in un video registrato durante la singolare “incursione”, perde le staffe quando gli vengono poste domande sul caso di Bibbiano: Non c’entriamo un ca*** con Bibbiano. Se voi pensate che lì dentro noi siamo come gli altri, avete sbagliato tutto. Pensatela come ca*** volete voi. Siete qui per aggredirmi e dire cazz***”, ha detto.

A seguito di questo fatto, pronta la reazione di Danilo Toninelli in un video pubblicato sulla sua pagina Facebook, nel quale spiega la vicenda dal suo punto di vista.

“Erano 15 persone, una squadra hanno detto: «eccolo il politico a cui fare domande». Vengo accerchiato, con fare non normale, io sono un cittadino che risponde a tutti”, racconta.

Toninelli: “Mi taglio lo stipendio da anni”

“Io sono un cittadino normale che ha il privilegio di lavorare nelle istituzioni, mi fermano da tutte le parti, al bar, al carrello mentre faccio la spesa, per me è uno stimolo”, prosegue Toninelli.

Secondo quanto afferma l’ex ministro, la situazione era ben diversa e l’intento del gruppo era quello di attaccarlo in modo “minaccioso e aggressivo, anche nella fisicità”.

A seguito di questa affermazione, nel video postato di Facebook ripete la frase che aveva pronunciato nel bar: “Io mi arrabbio perché non possono dirmi che sono uguale agli altri, mi taglio lo stipendio da sette anni e questi devono saperlo”.