×

Salvini: “Recovery Fund? Si intravede una bella fregatura”

Condividi su Facebook

Salvini duro contro gli accordi del Consiglio Europeo: "Vedo in fondo al tunnel una fregatura".

salvini consiglio europeo fregatura

Mentre dal Consiglio Europeo di Bruxelles arriva notizia di un accordo raggiunto, dopo giorni di trattativa, sul Recovery Fund, in Italia c’è già chi ha iniziato a criticare la misura, a partire da Matteo Salvini. Mentre il presidente del Consiglio Giuseppe Conte parlava di “giornata storica per l’Europa e per l’Italia”, il leader della Lega replicava in una conferenza stampa alla Camera alludendo – neanche troppo velatamente – ad una “fregatura che si intravede grossa come una casa in fondo al tunnel“.

Salvini: “Il Recovery Fund è una fregatura”

Nel corso della conferenza stampa alla Camera ha preso la parola anche Alberto Bagnai, economista e presidente della Commissione Finanze del Senato, che ha parlato di “situazione antipatica” anche se “non è esattamente il superfreno di emergenza propagandato da Rutte (premier olandese, ndr)” ma rafforza il condizionamento esterno nei confronti delle scelte nazionali.

Matteo Salvini ha poi iniziato la sua personale battaglia contro quanto ottenuto dall’Italia grazie al Consiglio Europeo, sostenendo che questi miliardi saranno un freno alla libertà nazionale.

“Se i prestiti, governati da Bruxelles, comportassero Legge Fornero e patrimoniale su casa e risparmi sarebbe un costo sociale ed economico altissimo per gli italiani. Noi come Lega vigileremo perché così non sia”, scrive il leader del Caroccio su Twitter aggiungendo poi: Non c’è nessun regalo. È resa senza condizioni alle scelte della Commissione. Si parla di soldi prestati, da restituire fino all’ultimo centesimo, che arriveranno se va bene tra un anno, solo se l’Italia farà le riforme su pensioni, lavoro, sanità.

Oggi tutti festeggiano, da Rutte a Monti… Chi combatte per il bene degli italiani ha il sostegno della Lega, ma le condizioni scritte in questo prestito fanno rima con lacrime e sangue. Un ‘Super MES‘ che punta a Quota 100 come prima vittima sacrificale“.

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.


Contatti:
1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
berlusconisti molestano vicchy industria
21 Luglio 2020 23:22

i leghisti sono tutti dei poco accorti


Contatti:
Riccardo Castrichini

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.