×

Salvini evita il processo Open Arms grazie a Italia Viva?

Condividi su Facebook

Matteo Salvini rischia il processo per il caso Open Arms, ma a salvarlo potrebbe essere Italia Viva di Renzi.

salvini processo open arms
Salvini salvato da Italia Viva per il processo Open Arms?

Giovedì 30 luglio l’Aula del Senato sarà chiamata a votare sulla proposta della Giunta delle Autorizzazioni di Palazzo Madama di non concedere l’autorizzazione al processo a Matteo Salvini sulla vicenda ‘Open Arms’. In Giunta, lo scorso maggio, la maggioranza si era spaccata per la decisione di tre senatori di Italia Viva di non partecipare al voto e per la scelta dell’allora pentastellata Alessandra Riccardi (ora passata alla Lega) di votare contro il proprio partito.

Secondo quanto ricostruito da La Repubblica, potrebbe essere proprio il partito di Matteo Renzi a salvare Salvini dal processo per il caso Open Arms.

Il segretario del Carroccio, infatti, rischia di finire davanti a un giudice per sequestro di persona e rifiuto di atto di ufficio e per avere impedito per 19 giorni – nell’agosto 2019 – lo sbarco nel porto di Lampedusa di 164 migranti soccorsi nel Mediterraneo, tra cui molti minori.

Salvini evita il processo Open Arms?

Per evitare il processo sul caso Open Arms, Salvini ha bisogno della maggioranza assoluta, ovvero 160 voti (non 161, dal momento che vi sono due seggi uninominali vacanti a seguito di decessi). Un obiettivo che al momento sembra utopico per il Carroccio: sono pronti a sostenerlo Lega (63 senatori), Forza Italia (56) e Fratelli d’Italia (17), per un totale di 136 voti.

Tutte le altre forze – M5S (95), Pd (35), Leu (5) – voteranno a favore del processo.

Ed è per questo che l’ago della bilancia è rappresentato da Matteo Renzi: Italia Viva conta 18 senatori che potrebbero decidere di esprimersi contro il procedimento.

Il ruolo di Italia Viva

Se i renziani dovessero decidere di appoggiare Salvini, al leader della Lega mancherebbero 6 voti che potrebbe trovare, senza grossi problemi, tra i 33 senatori del Gruppo Misto. Anche perché l’altoatesino Meinhard Durnwalder in Giunta ha già votato contro l’autorizzazione, così come l’ex grillino Mario Giarrusso.

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Antonino Paviglianiti

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.