×

Con il nuovo Dpcm mascherina obbligatoria al chiuso fino al 15 agosto

Condividi su Facebook

Il nuovo Dpcm renderà obbligatoria la mascherina al chiuso almeno fino a sabato 15 agosto. Ma è in programma una nuova proroga.

mascherina obbligatoria al chiuso
Con il nuovo Dpcm la mascherina sarà obbligatoria al chiuso

Si attendeva un Dpcm nella giornata di venerdì 31 luglio che alla fine non è arrivato. Il Governo Conte vuole ancora attendere per capire se allentare o meno le misure restrittive. E dalla prima bozza che circola del nuovo Dpcm, che dovrebbe entrare in vigore entro la fine della prima settimana di agosto, l’intenzione appare quella di proseguire sul rispetto delle norme anti-contagio.

Per questo motivo, fino almeno alla giornata di ferragosto, sarà obbligatoria la mascherina nei luoghi pubblici al chiuso. Una misura che si rende necessaria per l’impossibilità di ricircolo d’aria e il mancato distanziamento sociale. Per questo motivo, sebbene la prima deadline sia fissata alla giornata di sabato 15 agosto, il Governo sembrerebbe intenzionato a prorogare questa misura per altre settimane.

Mascherina obbligatoria al chiuso fino a ferragosto

Secondo i beninformati di Palazzo Chigi, il nuovo Dpcm – che sarà adottato la prossima settimana – confermerà le linee guida attualmente in vigore in Italia: si dà per scontato, dunque, l’obbligo di mascherine per contenere il contagio. Ed è probabile che sarà così fin quando non ci sarà un vaccino. Allo stato attuale, comunque, l’ordinanza firmata sabato 1 agosto dal ministro Speranza impone l’uso dei dispositivi di protezione fino alla data di ferragosto.


Conferma, inoltre, l’obbligo di indossare la mascherina “(…) nei luoghi al chiuso accessibili al pubblico, inclusi i mezzi di trasporto e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza”. Come già stabilito, questa misura non viene applicata ai bambini con età inferiore ai 6 anni o alle persone che presentano disabilità.

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze


Contatti:
1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Ermanno
3 Agosto 2020 12:00

In Italia l’unica cosa che è in vigore è la mancanza di ragionamento logico altrimenti come si potrebbe accettare uno stato di emergenza senza l’emergenza? Mi viene in mente Giulio Cesare a cui erano stati concessi pieni poteri per 10 anni, poteri che alla scadenza del periodo non ha restituito.


Contatti:
Antonino Paviglianiti

Nato a Reggio Calabria il 13 maggio del '93 con due passioni: lo sport e il giornalismo. Laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa a La Statale di Milano, ha ricoperto il ruolo di content editor per testate giornalistiche generaliste e a indirizzo sportivo del network Tmw. Ha ricoperto il ruolo di social media per le pagine di UrbanPost e LuxGallery. Appassionato di cinema e moda, ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2016 e al Pitti Uomo edizioni 2017 e 2018. In ambito politico, ha seguito la campagna elettorale del Referendum 2016 grazie al soggiorno presso la città di Firenze

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.