×

Concorso scuola, Azzolina assicura: “Si svolgerà in assoluta sicurezza”

Condividi su Facebook

La ministra Lucia Azzolina ha assicurato che il prossimo concorso della scuola verrà svolto in sicurezza: "Le famiglie chiedono docenti preparati".

Nella giornata del 30 settembre la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha chiarito i dubbi sul rispetto delle norme di sicurezza sanitaria per il prossimo concorso straordinario della scuola che si dovrà tenere il 22 ottobre. Durante il question time alla Camera dei Deputati, la ministra ha infatti specificato che grazie alle oltre 20mila postazioni allestite vi sarà una media di circa dieci candidati per aula, tale da poter mantenere un adeguato distanziamento.

Concorso scuola, parla la ministra Azzolina

Nel corso del suo intervento, la ministra ha dunque spiegato: “Per il concorso straordinario, per il quale sono state presentate 64mila domande di partecipazione, verranno allestite oltre20mila postazioni per una media di meno di dieci candidati per aula, per garantire il distanziamento.

Nei prossimi giorni sarà emanato uno specifico protocollo. Si svolgeranno due turni al giorno di prove, non ci saranno scuole chiuse né ore di lezione perse. Non ci saranno assembramenti né concentrazioni di candidati”.

La ministra ha inoltre aggiunto come a seguito del concorso straordinario si terranno anche i concorsi ordinari originariamente previsti: “La prova scritta informatizzata si distingue per classe di concorso e tipologia di posto.

Il concorso straordinario è solo la prima procedura selettiva. Pochi mesi dopo si terranno il concorso ordinario per infanzia e primaria e il concorso ordinario di primo e secondo grado. L’impegno è ridurre il precariato garantendo la continuità didattica e stiamo garantendo la parola data”.

Sul finale l’Azzolina ha inoltre voluto chiarire le polemiche nate negli ultimi giorni sulla presunta mancanza di sicurezza sanitaria, che a suo dire erano basate solo su strumentalizzazioni: “Non ci sarà assembramento né concentrazione dei candidati al di là di quello che qualcuno dice in modo strumentale”.

Saranno “concorsi seri, selettivi. Serve una verifica concorsuale che selezioni chi merita di insegnare; le famiglie chiedono docenti preparati.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.