×

Dpcm 18 ottobre, nuove regole e limitazioni per ristoranti e bar

Condividi su Facebook

Con il nuovo dpcm firmato il 18 ottobre i ristoranti subiranno alcune limitazioni a partire dall'orario di chiusura anticipato alle 24.

dpcm 18 ottobre ristoranti

Con il nuovo Dpcm del 18 ottobre, in vigore fino al prossimo 13 novembre, i ristoranti subiranno nuove restrizioni per riuscire a contenere il contagio da Covid-19. In particolare, sarà anticipata l’ora di chiusura dei locali e non sarà consentito l’accesso ai tavoli con più di 6 persone.

Rimarrà invariato invece il servizio di asporto e consegna a domicilio da parte delle aziende.

Dpcm 18 ottobre, cosa cambia per i ristoranti

Il nuovo provvedimento firmato il 18 ottobre dal Governo ha confermato le restrizioni per i locali serali, dai bar ai ristoranti. In particolare, come specificato in conferenza stampa dal Premier Conte, le attività di servizio di ristorazione saranno consentite dalle ore 5:00 alle ore 24:00, con consumo al tavolo.

In particolare, se il locale non dovesse beneficiare di servizio al tavolo, sarà costretto a chiudere alle 18

Insieme alle novità sugli orari di apertura e chiusura, il Dpcm illustra anche una nuova regola per i ristoratori che consiste nella limitazione sul numero di clienti consentito per ogni tavolo. Massimo sei persone per tavolo e l’affissione, fuori dai locali, di un cartello in cui viene specificato la capienza massima di persone ammesse nel locale contemporaneamente

Ristoranti, chiusura alle 24 e non più di 6 in tavola

Chiusura obbligatoria alle 24, riapertura alle ore 5:00 e limitazione dei posti al tavolo. Queste le due regole più restrittive emante con il nuovo decreto ministeriale. Rimangono invariate le modalità del servizio di asporto e della consegna a domicilio che dovrà avvenire sempre entro le ore 24 e nel rispetto delle norme igienico-sanitarie, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze.

Un inevitabile stretta dopo l’aumento vertiginoso dei contagi delle ultime settimane e in seguito ai numerosi focolai che si sono venuti a creare durante feste in locali e ristoranti.

Messinese, classe 1993, laureata magistrale in "Media, comunicazione digitale e giornalismo” presso La Sapienza di Roma. Collabora con “Auralcrave”, “Che tv fa”, “Metropolitan Magazine”.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Maria Zanghì

Messinese, classe 1993, laureata magistrale in "Media, comunicazione digitale e giornalismo” presso La Sapienza di Roma. Collabora con “Auralcrave”, “Che tv fa”, “Metropolitan Magazine”.

Leggi anche

Contents.media