×

Campania, scuole chiuse? De Luca pronto a firmare l’ordinanza

Condividi su Facebook

Campania, De Luca è pronto a chiudere le scuole con la firma della tanto contestata ordinanza. Il tempo stringe, potrebbe esserci il giro di vite.

campania zona rossa perché

Il governatore della Campania, De Luca, pronto alla stretta sulle scuole. Entro mercoledì 21 ottobre 2020 dovrebbe avvenire la firma dell’ordinanza che prevede la chiusura degli istituti fino alla fine del mese, con lezioni a distanza e senza alcuna deroga.

Campania, l’ordinanza scuole

Dall’ultimo Dpcm del governo, la linea della Campania rimane la stessa: chiuse tutte le scuole tranne quelle per la fascia da 0 a 6 anni d’età.

Quando entrerà in vigore, Vincenzo De Luca firmerà la nuova ordinanza a conferma delle decisioni già prese il 15 ottobre.  

“La Regione sembra avere esaurientemente documentato l’istruttoria sulla base della quale ha inteso emanare la misura, dando conto della correlazione tra aumento dei casi di positività al Covid-19 e frequenza scolastica”, si legge nell’ordinanza firmata dal presidente della quinta sezione Maria Abbruzzese, “nonché della crescita esponenziale del contagio medesimo e della progressiva saturazione delle strutture di ricovero e cura, su base regionale, per effetto della diffusione di casi, anche in ottica di prevenzione dell’emergente rischio sanitario”. 

La decisione di De Luca

“Il livello di contagio altissimo registrato anche nelle famiglie e derivante da contatti nel mondo scolastico”, aveva dichiarato il governatore. Il Tar della Regione ha quindi ritenuto valida la tanto contestata misura restrittiva, respingendo il ricorso di genitori e insegnanti che spingevano affinché le scuole rimanessero aperte. Critica la situazione in Campania, con gli ospedali al collasso e la carenza di posti letto. L’unità di crisi si è già mobilitata per riconvertire diversi reparti e altre strutture, al fine di procurare ulteriori posti a disposizione dei malati di Covid.

Aumentano drasticamente i pazienti in rianimazione, dove c’è disponibilità solo per 30 persone mentre sono 41 quelli in degenza. La previsione era di 977 posti necessari in caso di picco di Coronavirus nella Regione, ora però ne sono previsti 1.651 ma si lavora senza sosta per garantire a tutti l’assistenza necessaria a chi ha contratto il virus.

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Cecilia Lidya Casadei

Nata a Milano il 14 dicembre 1988, ha studiato Scienze Linguistiche per l'Informazione e Comunicazione. Ha collaborato con Focus Domande&Risposte, Nanopress, I Nostri Amici Cavalli, The Reiner magazine.

Leggi anche

Contents.media