×

Covid, Cirio: “Gli assembramenti a Torino sono inaccettabili”

Le regole contro il covid vengono meno e a Torino si creano assembramenti. Cirio: "Inaccettabile".

Covid Cirio assembramenti Torino

Da più parti sono arrivate critiche ai cittadini per i comportamenti registrati nella giornata di ieri, domenica 29 novembre, quando in molti si sono ammassati, come se nulla fosse, davanti a store e negozi per lo shopping. A colpire sono state sopratutto le strade di Milano e Torino, fino a qualche ora prima zona rossa, gremite di gente come se il covid non avesse mai interessato quelle aree.

Il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, ha voluto prendere le distanze da tutto questo e denunciare gli assembramenti nel corso del suo intervento a Radio Veronica One: “Quello che ho visto ieri in alcune vie a Torino è qualcosa che mi riporta con la mente in estate e non possiamo permettercelo. È qualcosa di inaccettabile“.

Covid, Cirio sugli assembramenti di Torino

Oggi Cirio, così come i suoi omologhi degli altri territori, prenderà parte nella Conferenza delle Regioni, appuntamento importante per cercare di organizzare nel migliore dei modi e in sicurezza l’imminente arrivo del Natale. “Questa mattina – dice Cirio – parteciperò al Comitato per l’Ordine pubblico e chiederò al prefetto interventi rigorosissimi. So che le forze dell’ordine hanno fatto tanto ma evidentemente non basta. I piemontesi si stanno comportando in modo serio, ma laddove ci sono situazioni che scappano di mano bisogna intervenire subito in maniera netta”.

Ciò che si cercherà di evitare è il cosiddetto liberi tutti, con le principali Regioni italiane che sarebbero dunque favorevoli a misure drastiche e severe. Ad andare in contro tendenza in tal senso è Giovanni Toti, che ha addirittura avanzato l’ipotesi che i ristoranti possano tornare ad essere aperti la sera durante le feste per permettergli di guadagnare. Una battaglia, la sua, che non dovrebbe trovare grande appoggio sia a livello territoriale che nazionale.

Contents.media
Ultima ora