×

Dpcm 3 dicembre: cosa si può fare e cosa non si può fare

Condividi su Facebook

Spostamenti, cene, shopping natalizio e coprifuoco: cosa si può fare e cosa invece è vietato dal dpcm firmato il 3 dicembre 2020.

conte recovery fund

Nella serata del 3 dicembre 2002 il Premier Conte ha firmato il nuovo dpcm contenente le misure anti coronavirus in vigore fino al 15 gennaio 2020: cosa si può fare e cosa invece è vietato dal provvedimento?

Dpcm 3 dicembre: cosa si può fare

Qui l’elenco delle attività che sono consentite:

  • Spostarsi tra le regioni in zona gialla fino al 20 dicembre
  • Ritornare alla propria residenza o al proprio domicilio (per tutto il periodo di validità del decreto)
  • Recarsi a pranzo al ristorante nel giorni di Natale, Santo Stefano e Capodanno purché si risieda nel medesimo Comune del locale
  • Andare alla messa di Natale, che presumibilmente sarà anticipata alle 20 (il coprifuoco rimarrà alle 22 anche il 24 dicembre)
  • Spostarsi sempre tra le regioni, indipendentemente dal colore, per motivi di salute, necessità, lavoro o emergenza con apposita autocertificazione
  • Recarsi nelle seconde case prima del 20 dicembre
  • Apertura dei negozi fino alle 21
  • Apertura dei centri commerciali anche nel weekend fino al 20 dicembre
  • Recarsi all’estero, consapevoli che, dal 21 dicembre al 6 gennaio, si dovrà osservare una quarantena di dieci giorni una volta rientrati (indipendentemente dal paese di provenienza)

Dpcm 3 dicembre: cosa non si può fare

Queste invece le attività che non sono consentite:

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche

Contents.media