×

Sileri su Piano pandemico nazionale: “Non era aggiornato”

Condividi su Facebook

Il viceministro della Salute conferma le accuse esposte durante l'inchiesta andata in onda su Report. Il Piano pandemico era datato 2006.

sileri-piano-pandemico-aggiornato
sileri-piano-pandemico-aggiornato

Il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri confessa che il Piano pandemico nazionale non era stato aggiornato. In questo modo il medico ha confermato l’inchiesta mandata in onda nella trasmissione di Rai 3, Report. All’interno del programma, infatti, era stato accusato l’operato del direttore vicario dell’Oms, Ranieri Guerra, di non aver più aggiornato il Piano Pandemico dal 2006.

Sileri: “Piano pandemico non era aggiornato”

Quanto portato a galla dalla trasmissione di inchiesta, Report, viene ammesso anche da Pierpaolo Sileri in un intervista al quotidiano La verità. Secondo il viceministro alla Salute, infatti, il Piano pandemico nazionale, che dovrebbe, di norma, essere aggiornato ogni tre anni, non veniva riscritto dal 2006. È stata la trasmissione del servizio pubblico a denunciare l’arretratezza del piano e ad accusare Ranieri Guerra, direttore vicario dell’Oms.

Il rapporto incriminato è datato 2016 ma pare essere identico a quello stilato 10 anni prima, nel 2006. Ad aggiornare il Piano sarebbe dovuto essere proprio il dirigente Guerra che tra il 2014 e il 2017 fu Dg Prevenzione al Ministero di Sanità. Lo stesso dirigente – accusa Report – avrebbe usato pressioni per non far uscire il dossier incriminato durante la prima ondata della pandemia in Italia.

A confermare il ritardo e l’inadeguatezza del documento è stato il viceministro Sileri che ha affermato: “Che il piano pandemico fosse vecchio è vero“.

Messinese, classe 1993, laureata magistrale in "Media, comunicazione digitale e giornalismo” presso La Sapienza di Roma. Collabora con “Auralcrave”, “Che tv fa”, “Metropolitan Magazine”.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Maria Zanghì

Messinese, classe 1993, laureata magistrale in "Media, comunicazione digitale e giornalismo” presso La Sapienza di Roma. Collabora con “Auralcrave”, “Che tv fa”, “Metropolitan Magazine”.

Leggi anche

Contents.media