×

Covid, lettera di Fontana: “Come ripartire dopo la crisi”

Condividi su Facebook

Il governatore lombardo ha scritto una lettera al direttore del Corriere della Sera.

Attilio Fontana
Attilio Fontana

Attilio Fontana, governatore lombardo, ha scritto una lettera al direttore del Corriere della Sera, per spiegare in 8 punti come ripartire dopo la crisi causata dalla pandemia da Covid. “Caro direttore, il Covid ha cambiato il mondo, per come l’avevamo conosciuto fino ad oggi.

Ha cambiato il lavoro, le città, la mobilità, la scuola, i modelli economici e sociali, ma soprattutto ha stravolto il nostro modo di vivere. Bisogna però reagire ed immaginare la Lombardia e l’Italia del domani. Quando finiranno le sovvenzioni e le misure che vietano i licenziamenti sarà dura per tutti. Per questo si deve fare tutto il possibile per sostenere lavoratori, imprenditori, professionisti ed aiutarli a superare questa fase drammatica” ha scritto.

La lettera di Attilio Fontana

In Lombardia abbiamo rastrellato tutte le risorse disponibili per trovare 228 milioni di euro da destinare ai lavoratori autonomi più colpiti e lasciati fuori dai provvedimenti statali. Siamo chiamati a scorgere l’alba dentro l’imbrunire. Vorrei perciò provare a spiegare da dove si può ripartire. 1: occorre mettere mano alla legislazione dei contratti e degli appalti pubblici. Con le regole attuali servono tre anni solo per vedere aggiudicata un’opera.

Qualcuno accusa le Regioni pasticcione, ma questa è competenza esclusiva dello Stato. Il ponte di Genova è stato costruito a tempo di record perché si è derogato alle norme. Senza questo intervento ad esempio le opere per le Olimpiadi Invernali del 2026 o i nuovi ospedali già finanziati rischiano di non essere completati” ha scritto Attilio Fontana. Al secondo posto ha inserito la pubblica amministrazione, sottolineando che è oppressa da troppe norme e che c’è sempre un’interpretazione, un groviglio di leggi, che spinge a fare il meno possibile per non rischiare. Al terzo posto ci sono i fondi europei, che definisce una risorsa importante. “Recovery fund, nuova programmazione comunitaria 2021-2027. La Lombardia ha avanzato al governo proposte per utilizzarli al meglio: governance unitaria dei progetti, ricerca e innovazione diffusa alle Pmi, digitalizzazione della Pa e del sistema produttivo, infrastrutture materiali e immateriali. Ad oggi non conosciamo ancora la proposta del Governo. Le Regioni devono giocare un ruolo da protagonista. Oppure si pensa che 300 o 3.000 tecnici possano fare tutto da soli?” ha aggiunto il governatore.

In Lombardia abbiamo deciso di puntare sugli investimenti come volano per l’economia. Abbiamo realizzato un ‘Piano Lombardia’ del valore complessivo di 4 miliardi per un territorio più attrattivo, coeso, connesso e sostenibile. Ad oggi sono già aperti 2.500 cantieri. Provvedimenti rapidi, procedure ridotte e tempi certi: questa è la ricetta giusta” ha scritto Fontana, come quarto punto. Poi ha parlato di smart working, che caratterizzerà anche il futuro. Il sesto punto riguarda la sanità. “Il ‘disastro lombardo’ della sanità come scrivono tanti commentatori distratti o faziosi. Abbiamo certo incontrato mille difficoltà, ma il sistema ha retto, curando centinaia di migliaia di persone. Ben consapevoli delle criticità, siamo i primi ad aver avviato un percorso per superarle e costruire una sanità territoriale allo stesso livello di quella ospedaliera. Serve un maggiore rapporto con il territorio attraverso i sindaci, ma non siamo disposti a mettere in discussione il principio di libera scelta dell’individuo di farsi curare dove vuole a carico del sistema sanitario. C’è bisogno di assumere medici ed infermieri, invertendo la riduzione della spesa obbligata dallo Stato: ci sarà un motivo se la sanità gestita dalle Regioni nei rating internazionali è più in alto di quella di servizi gestiti dallo Stato” ha scritto. Poi ha parlato di come in questi anni il capitale sociale è stato eroso e che si deve investire in cultura e conoscenza. Infine, ha scritto del capitale umano, parlando di educazione e formazione dei giovani, che sono l’investimento per il futuro. “Sospendere le lezioni in presenza è stata una scelta sofferta ma necessaria. Dobbiamo investire sui docenti, sugli strumenti e sui percorsi formativi innovativi per poter rispondere alle nuove esigenze del mondo del lavoro. Un vasto programma potrebbe dire qualcuno, ma necessario per immaginare il futuro delle giovani generazioni” ha scritto il governatore, che ha concluso sottolineando che le Regioni, di fronte alle carenze dello stato, hanno dimostrato di poter guidare il rilancio del Paese.

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Chiara Nava

Nata a Genova, classe 1990, mamma con una grande passione per la scrittura e la lettura. Lavora nel mondo dell’editoria digitale da quasi dieci anni. Ha collaborato con Zenazone, con l’azienda Sorgente e con altri blog e testate giornalistiche. Attualmente scrive per MeteoWeek e per Notizie.it

Leggi anche

Contents.media