×

Rimpasto in Regione Lombardia: Letizia Moratti vicepresidente e assessora al Welfare

Attilio Fontana, con una conferenza stampa, ha annunciato la nuova Giunta di Regione Lombardia. Dentro Moratti, Guidesi e Locatelli.

Letizia Moratti
Letizia Moratti

Il presidente Attilio Fontana ha ufficializzato la nuova Giunta di Regione Lombardia. “L’assessore Gallera (recentemente finito al centro delle polemiche per le sue dichiarazioni sui medici in ferie, ndr) lascia. Ha svolto un lavoro pesante, era particolarmente stanco e quindi ha condiviso l’avvicendamento.

Lo sostituirà Letizia Moratti come vicepresidente e assessora al Welfare” ha dichiarato il governatore. “Abbiamo voluto concentraci per mettere nuove forze, fresche, per continuare a guardare con determinazione al futuro della nostra regione e per fare in modo che la Lombardia possa ricominciare a correre, con la stessa forza con cui ha corso negli scorsi anni”.

Rimpasto Lombardia: Moratti sostituisce Gallera

“La squadra è chiusa” aveva annunciato in tv Matteo Salvini.

Ha preferito non aggiungere altro, lasciando l’annuncio ufficiale di assessori e squadra al governatore Attilio Fontana. Il tassello più importante era già stato definito, ovvero Letizia Moratti prenderà il posto di Giulio Gallera al Welfare, che ha rifiutato il ruolo di sottosegretario.

Alessandro Mattinzoli, attuale assessore allo Sviluppo economico, verrà sostituito dall’ex sottosegretario leghista ai Rapporti con il Parlamento, Guido Guidesi. Il ruolo comprende anche le deleghe al Ricovery Fund e ai ristori.

Mattinzoli, sostenuto da Maria Stella Gelmini, resta in Giunta con una delega all’Housing sociale. Fratelli d’Italia non ha partecipato e vedrà confermato gli assessori Riccardo de Corato e Lara Magoni.

L’ex ministra leghista Alessandra Locatelli diventerà assessore alla Famiglia al posto di Silvia Piani, mentre l’ex campione olimpionico di kayak Antonio Rossi andrà a sostituire Martina Cambiaghi allo Sport. Melania Rizzoli resta all’Istruzioni e il leghista Stefano Bolognini assumerà tra le sue deleghe quella allo sviluppo dell’area metropolitana. Fabrizio Sala, invece, perderà il ruolo di vicepresidente. Salvini ha spiegato che si tratta di una squadra forte e strutturata e che il 2021 per i lombardi sarà un anno di ripartenza.

Contents.media
Ultima ora