×

Crisi di Governo, Bellanova: “Il tempo è finito, spiego il punto di Italia viva”

Il Ministro delle politiche agricole Teresa Bellanova riferisce che Italia viva è pronta a staccare la spina al Governo

teresa bellanova
teresa bellanova

Il Ministro delle Politiche Agricole Teresa Bellanova ha scritto un post su Facebook che lascia poco spazio ai dubbi e apre nuovamente alla Crisi di Governo. “Per uscire serve discontinuità – inizia -. Radicale discontinuità, nei metodi e nel merito”. E, conitnua, “il compito di metterla in campo, ben oltre qualche post Fb ma con atti politici” spetta a Conte.

Crisi di Governo, Bellanova: “Il tempo è finito”

“Il tempo è davvero finito”e “questa esperienza per me è archiviata”, scrive la Bellanova, invocando le “risposte” da parte del Governo. “Arrivi questo benedetto Recovery Plan, ci si dia il tempo di valutarlo e ci si confronti in Consiglio dei Ministri. Anzi, ci si confronti anche sugli altri nodi” con “un patto di legislatura”. E ancora: “Se ci sarà tutto questo noi ci siamo.

Diversamente l’esito è già scritto e la responsabilità solo di altri”.

Italia viva, stando alle parole della Bellanova, avrebbe stilato un documento – una sorta di ultimatum – con le sue proposte, che vanno dal Mes ad Autostrade, passando dal fisco, al Ponte sullo stretto di Messina e delle prossime riforme comunali. Il documento, firmato da Matteo Renzi, e finito sul tavolo del Dem Goffredo Bettini. L’ex Premier dice che Conte non ha mantenuto i suoi impegni e le sue promesse: “Con chi si scrive un accordo serio? In che tempi? Chi garantisce che gli impegni si mantengano? Iv è pronta da mesi.

Gli altri?”

Sulla questione è intervenuto anche Luigi Di Maio: “La crisi economica non aspetta la politica. Chi governa deve dettare i tempi della ripresa, dunque nelle prossime ore chiudiamo il Recovery e consegniamolo al Parlamento, mettiamoci al lavoro sui progetti il Paese. I politici sono pagati per lavorare, non per litigare. Ogni ministro, ogni membro di governo, ogni parlamentare è chiamato a dare il massimo, sempre. Le trame di palazzo, i giochini, non dovrebbero nemmeno sfiorarci”.

Contents.media
Ultima ora