×

Governo Draghi: terminati il giuramento e il passaggio di consegne

Dopo il giuramento e il passaggio di consegne tra Conte e Draghi, il nuovo Premier presiederà il suo primo Cdm alle 14.

Giuramento Governo Draghi

Dopo aver sciolto positivamente la riserva e presentato al Capo dello Stato, a norma dell’articolo 92 della Costituzione, la lista dei ministri, Mario Draghi ha giurato davanti al Presidente Mattarella insieme alla squadra del suo governo. Si è poi recato a Palazzo Chigi dove, dopo il picchetto d’onore e il passaggio di consegne con l’ex Premier Conte, che ha ricevuto gli onori militari e lasciato l’edificio tra gli applausi dei dipendenti, presiederà il primo Consiglio dei Ministri del nuovo esecutivo.

Conte Draghi

Conte Draghi campanella

Il giuramento dei ministri

Elena Bonetti, ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia

Bonetti

Erika Stefani, ministro delle Disabilità

Stefani

Mariastella Gelmini, ministro per gli Affari generali e le Autonomie

Gelmini

Luigi di Maio, ministro degli Esteri

DI Maio

Marta Cartabia, ministro della Giustizia

Cartabia

Daniele Franco, ministro dell’Economia e delle Finanze

Franco

Giancarlo Giorgetti, ministro dello Sviluppo Economico

Giorgetti

Roberto Cingolani, ministro dell’Ambiente

Cingolani

Dario Franceschini, ministro della Cultura

Franceschini

Roberto Speranza, ministro della Salute

Speranza

Dopo l’appuntamento, in cui ognuno dei 23 ministri ha giurato di svolgere il proprio incarico rimanendo fedele alla legge e nell’interesse esclusivo della nazione, avrà luogo la cerimonia della campanella e il passaggio di consegne tra l’ormai ex Premier Conte, da Draghi già incontrato ieri in un colloquio durato circa mezz’ora, e l’ex governatore della BCE.

A seguito del passaggio al Quirinale quest’ultimo sarà ricevuto a Palazzo Giustiniani dal Presidente del Senato Elisabetta Casellati. Quanto alla fiducia, il primo appuntamento è previsto per mercoledì alle 10 a Palazzo Madama.

La lista dei ministri del governo Draghi

Questa la lista completa della nuova squadra di governo:

Ministri con portafoglio

  • Esteri – Luigi Di Maio (politico)
  • Interno – Luciana Lamorgese (tecnico)
  • Giustizia – Marta Cartabia (tecnico)
  • Difesa: Lorenzo Guerini (politico)
  • Economia e Finanza: Daniele Franco (tecnico)
  • Sviluppo Economico: Giancarlo Giorgetti (politico)
  • Politiche agricole: Stefano Patuanelli (politico)
  • Ambiente (Ministero per la Transizione tecnologica): Roberto Cingolani (tecnico)
  • Infrastrutture e Trasporti: Enrico Giovannini (tecnico)
  • Lavoro: Andrea Orlando (politico)
  • Istruzione: Patrizio Bianchi (tecnico)
  • Università e Ricerca: Maria Cristina Messa (tecnico)
  • Cultura: Dario Franceschini (politico)
  • Salute: Roberto Speranza (politico)
  • Sottosegretario di Stato: Roberto Garofoli (tecnico)

Ministri senza portafoglio

  • Rapporti con il Parlamento: Federico d’Incà (politico)
  • Innovazione Tecnologica e Transizione – Vittorio Colao (tecnico)
  • Pubblica Amministrazione – Renato Brunetta (politico)
  • Affari generali e Autonomie – Mariastella Gelmini (politica)
  • Sud e Coesione Territoriale – Mara Carfagna (politico)
  • Politiche giovanili – Fabiana Dadone (politico)
  • Pari opportunità e Famiglia – Elena Bonetti (politico)
  • Disabilità – Erika Stefani (politico)
  • Turismo – Massimo Garavaglia (politico)

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it


Contatti:
1 Commento
più vecchi
più recenti
Inline Feedbacks
View all comments
Manlio Amelio
13 Febbraio 2021 10:25

oggi giurano per fottervi meglio… l’italiani i più coglioni del mondo… sono andati a votare per le legislative… (o meglio a portare i coccodrilli in Egitto il 5 marzo 2018) ora i Sebek sono tutti d’accordo… mentre nel 2018 ognuno aveva un programma politico diverso, ora sotto il criminale Draghi, siccome sono in realtà TUTTI CRIMINALI, hanno lo stesso programma politico-CRIMINALE…. Quando i coglioni italiani si sveglieranno sarà troppo tardi… e per svegliarsi significa fare rivoluzione con le armi… altrimenti non serve a nulla protestare, manifestare… con i pic-nic e i boy scout non se ne fanno rivoluzioni… solo se… Leggi il resto »


Contatti:
Debora Faravelli

Nata in provincia di Como, classe 1997, frequenta la facoltà di Lettere presso l'Università degli studi di Milano. Collabora con Notizie.it

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora