×

Covid, l’allarme di De Luca: “Rilassamento totale. Inevitabile zona arancione”

Il presidente della Campania Vincenzo De Luca ha dichiarato che con il rilassamento di questi giorni sarà inevitabile tornare in zona arancione.

Riapertura scuole De Luca Campania

Nel corso della sua consueta diretta social del venerdì il presidente della Campania Vincenzo De Luca ha espresso la sua opinione sul rilassamento dei controlli e delle abitudini dei cittadini di questi ultimi giorni, affermando che on questo atteggiamento sarà inevitabile tornare in breve tempo in zona arancione, se non addirittura in zona rossa.

Il presidente ha fatto esplicito riferimento agli assembramenti sul lungomare napoletano, con decine di persone che passeggiavano senza mascherina.

Covid, De Luca: “Inevitabile la zona arancione”

Durante il suo intervento, De Luca ha infatti denunciato come: In Italia ormai i controlli sono diventati inesistenti. Non troviamo più per strada una pattuglia di polizia municipale, polizia di Stato, carabinieri o guardia di finanza impegnata nel controllo anticovid. Le immagini viste in Campania e un po’ nel resto d’Italia, danno i brividi.

Un rilassamento totale, la domenica mattina con migliaia di ragazzi sul lungomare in gran parte senza mascherina, controlli serali inesistenti, qualche grande città della Campania completamente abbandonata a se stessa”.

Alla luce di questo scenario il presidente campano paventa il rischio concreto di un ritorno alle restrizioni della seconda ondata, con ristoranti e negozi chiusi a causa dell’innalzamento del numero di contagi: In questa situazione è inevitabile tornare in zona arancione e se non stiamo attenti anche in zona rossa, il che significa bloccare di nuovo ristoranti e bar, si fa solo l’asporto e andiamo avanti così, un passo avanti e uno indietro.

Un autentico calvario. Quando mettiamo una regione in zona gialla per un periodo, c’è un grande rilassamento generale, il dato che rimane impressionante in Italia è che i controlli sono ormai diventati inesistenti”.

Contents.media
Ultima ora