×

Covid, Speranza: “Serve dire la verità, anche quando è scomoda”

Speranza: "Sul covid occorre dire la verità, anche se è scomoda e fa perdere consenso". L'appello del ministro ai colleghi politici.

Covid Speranza verità scomoda

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ripete da mesi di non abbassare la guardia nei confronti del covid, ma le sue parole sono state spesso inascoltate o facilmente dimenticate non appena la situazione epidemiologica è migliorata leggermente. I primi in realtà a non avere un punto fermo sul tema sono i politici, ed è forse proprio a loro che Speranza si rivolge quando dice che in questa pandemia sia necessario dire sempre la verità, anche quando è scomoda e non porta consenso.

Covid, Speranza e le verità scomoda

Le parole di Speranza sottolineano la rottura presente all’interno del governo Draghi, diviso tra coloro che hanno un’atteggiamento più rigorista nei confronti della pandemia e chi invece vorrebbe riaprire. La posizioni avverse si vedono nella difficoltà di decidere se chiudere o aprire le scuola in zona arancione o su cosa fare per l’apertura serale di bar e ristoranti.

Il ministro della Salute è per la linea del rigore e con lui ci sono dal Pd Dario Franceschini e dal M5s Stefano Patuanelli, mentre altri esponenti, specie della Lega, spingono per una riapertura seguendo dunque la linea dettata da Matteo Salvini.

“Potremmo essere all’inizio di una impennata”, ha detto Speranza al Corriere confermando dunque il punto di vista esposto pubblicamente poco prima: Bisogna avere il coraggio di assumere decisioni coerenti rispetto alla sfida che abbiamo davanti“.

Per il ministero della Salute servirebbe inasprire le misure, vedi ad esempio la chiusura delle scuole in zona arancione, ma questo potrebbe non bastare specie se le scelte dovessero arrivare in ritardi. Servirebbe un lockdown, ma non si può nemmeno pronunciare questa parola ora che tra le fila del governo c’è anche il centrodestra, ed è dunque possibile che l’Italia diventi sempre più rossa e che perduri per altri mesi questo apri e chiudi che va avanti da 4 mesi.

Contents.media
Ultima ora