×

Porto di Trieste: le proteste continuano, ma non c’è nessun blocco

A poco più di 24 ore dall'inizio delle proteste al Porto di Trieste, le attività proseguono nella norma.

Porto di Trieste proteste

Lo sciopero dei portuali di Trieste è iniziato ormai poco più 24 ore fa, ma tutto prosegue regolarmente. Nessun blocco delle attività: i mezzi accedono senza impedimenti sia in entrata che in uscita e chi vuole lavorare non viene fermato anche se, a questo proposito, il portavoce del coordinamento dei lavoratori ha precisato che sarebbero stati in molti a scegliere di lavorare senza Green Pass.

“Facciano un bel controllo a tappeto per averne conferma. Così si renderanno conto che si può lavorare benissimo senza”, ha spiegato. 

Porto di Trieste proteste, la situazione nella notte 

La protesta dunque continua anche in questo secondo giorno. Nella notte sarebbero stati in molti a trascorrere la nottata sul posto, una nottata questa che sarebbe stata particolarmente movimentata. Stando a quanto si apprende da ANSA, centinaia di persone si sarebbero radunate davanti al Varco numero 4 del Porto per ballare al ritmo della musica da discoteca che grazie ad un’apposita cassa sarebbe stata diffusa ad alto volume. 

Porto di Trieste proteste, una trentina di lavoratori presidiano il varco 

Nel frattempo sarebbero circa una trentina i lavoratori starebbero presidiando i tornelli al varco numero 4. Tra loro è presente il portavoce del coordinamento Stefano Puzzer che ha reso noto che sarebbero state circa cinquecento le persone a pernottare al porto. Rispetto a 24 ore prima inoltre sarebbe aumentato il numero delle persone che avrebbe scelto di recarsi a lavoro. Si tratterebbe di circa il 20% del totale, rispetto al 10% del giorno prima. 

Porto di Trieste proteste, il sindacato Clpt denuncia l’Agenzia portuale (Alpt) in Questura

Nel frattempo, stando a quanto si apprende da Sky Tg24, il sindacato Clpt ha portato all’attenzione il fatto che molti lavoratori starebbero lavorando senza Green Pass sporgendo denuncia in Questura contro Alpt (Agenzia per il lavoro portuale di Trieste). Tale notizia sarebbe stata inoltre diffusa dallo stesso Puzzer che ha affermato: “Ora ci aspettiamo che venga chi di dovere a fare i controlli del caso”. 

Contents.media
Ultima ora