Precari dello sport. L’inchiesta di Repubblica - Notizie.it
Precari dello sport. L’inchiesta di Repubblica
Firenze

Precari dello sport. L’inchiesta di Repubblica

La Cgil è infuriata contro l’anarchia dei contratti di lavoro e la mancanza di tutele per i precari delle piscine e dei centri sportivi. Il vicesindaco Dario Nardella si espone così: “non si può generalizzare e dire che dappertutto esistono situazioni irregolari. Ci stiamo già muovendo e su alcune situazioni siamo già intervenuti come alla piscina Paganelli, dove alla società che è subentrata alla Sas nella gestione abbiamo chiesto di reintegrare i sedici vecchi dipendenti. O a Bellariva, dove ci sono problemi di regolarità nei pagamenti degli stipendi: prima di Natale ho incontrato il presidente della Fiorentina Nuoto Fabio Frandi per chiedergli di rispettare i lavoratori, pratiche di questo tipo sono insopportabili”. Inoltre “da qui a primavera faremo sopralluoghi in ognuno degli spazi dati in gestione dal Comune per verificare l’applicazione delle clausole di tutela dei lavoratori previste dallo stesso regolamento comunale”.
È l’inchiesta di Repubblica ad aver sollevato il caso.
Nardella non vuole demonizzare le società sportive: “Prendo atto del fatto che molte società risentono della crisi e stanno facendo una più graduale applicazione delle norme, che sono giuste, ma non facile da mettere in pratica visto che implicano esborsi di denaro maggiori.

(…) La nostra idea è quella di procedere per step: fui io stesso da ex presidente della commissione sport a volere nel regolamento comunale la clausola di tutela dei lavoratori. Ora per noi fare in modo che si assicuri la continuità delle assunzioni coi cambi di gestione com’è avvenuto alla Paganelli, che si elimini il nero anche se solo facendo i “contratti sportivi” e che si garantisca la regolarità dei pagamenti come abbiamo chiesto di fare alla Fiorentina Nuoto è per noi un risultato. Certo andremo avanti e non ci fermeremo, esamineremo tutti i casi: molte società sono in regola ma non tutte e lo verificheremo, perché i lavoratori degli impianti sportivi non sono di serie B”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*