Precipita aereo del corpo dei marine: 16 morti, nessun sopravvissuto
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Precipita aereo del corpo dei marine: 16 morti
Cronaca

Precipita aereo del corpo dei marine: 16 morti

aereo
Grave incidente aereo in America, nessun sopravvissuto

L’incidente a un centinaio di chilometri da Jackson, nella zona del delta del grande fiume. Un incendio scatenato dallo schianto non aveva permesso di stabilire l'esatto numero delle vittime,

Grave incidente aereo in America, nei pressi del grande fiume Mississippi. Sedici militari sono morti nello schianto di un aereo del corpo dei marine utilizzato per il rifornimento di carburante. E’ successo a un centinaio di chilometri dalla città di Jackson, nella regione del delta del grande fiume, in Mississippi. Il velivolo era un KC-130, uno dei più diffusi aerei militari in dotazione alle forze armate americane. Ancora incerte le cause dell’incidente.

L’incidente

Un aereo militare dei Marines degli Stati Uniti è precipitato nel pomeriggio di lunedì, attorno alle 22 in Italia, in un campo nel Mississippi. Tutte le 16 persone che si trovavano a bordo del velivolo sono morte.

Come detto, non sono ancora chiare le cause che hanno portato al disastroso incidente, le autorità militari si sono limitate a confermarlo senza fornire ulteriori spiegazioni. Il velivolo, unKC-130, si è schiantato in un campo di soia a un centinaio di chilometri dalla a città di Jackson, nella regione del delta del fiume.

L’incidente è avvenuto di sera, l’aereo precipitando ha preso fuoco, producendo un’alta colonna di fumo nero. I pompieri hanno dovuto ricorrere agli schiumogeni per contenere l’incendio che si è sviluppato nello schianto. Incendio che ha tenuto a lungo impegnati i vigili del fuoco e che non aveva permesso di stabilire fin da subito con esattezza il numero delle vittime. In un primo tempo si era parlato di 12, ma nel corso della notte si è poi avuta la conferma che nessuno tra i sedici militari che erano a bordo era sopravvissuto.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche