×

Prende la figlia a martellate in testa: “Ero esasperata dallo smart working, volevo ucciderla”

Il motivo per cui la madre ha preso a martellate in testa la propria figlia, era dato dalla complicata situazione familiare in cui vivevano

Polizia di Stato

Tragedia sfiorata ieri, 30 gennaio 2022, a Mestre. Un’anziana madre ha colpito più volte alla testa sua figlia con l’intenzione di ucciderla. Fortunatamente la donna non è morta, ma è stata portata in tempo al Pronto Soccorso.

Una madre prende a martellate in testa la figlia

Il movente è abbastanza banale: la madre era esausta dello smart working. La situazione familiare purtroppo era già abbastanza precaria. Una figlia di 47 anni che vive con l’anziana madre di 80 anni ed esaspera quotidianamente l’anziana a causa dello smart working. Il motivo per cui la 47enne fosse in smart working era dato dal fatto che fosse no vax.

La dinamica dell’aggresione

Nel pomeriggio di ieri l’80enne non ha retto lo stress e, in preda ad un raptus dato dall’esasperazione, ha impugnato un’arma bianca tipica del lavoro del muratore ed ha aggredito la figlia colpendola ripetutamente alla testa.

Per la precisione, come riporta Leggo, i colpi sono stati tre, tutti andati a segno con precisione. La donna è riuscita a scappare dall’attacco della madre fuggendo in strada. Ad allarmare le forze dell’ordine sono stati i vicini di casa dopo essersi resi conto della gravità della situazione.

L’arresto dell’80enne e i soccorsi alla figlia

Attualmente l’80enne si trova agli arresti domiciliari con l’accusa di tentato omicidio ed ha dichiarato alla polizia di voler uccidere la figlia perchè esasperata.

La figlia 47enne, invece, è stata immediatamente soccorsa e trasportata in ospedale. Per ora la sua prognosi è riservata, ma non dovrebbe essere in pericolo di vita.

Contents.media
Ultima ora